Tragedia su lavoro alla stazione di Jesi, morto un operaio | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Tragedia su lavoro alla stazione di Jesi, morto un operaio

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Tragedia questa mattina alla stazione ferroviaria di Jesi, dove un operaio ha perso la vita mentre lavorava nel cantiere.

Si tratta di un uomo di 56 anni, di origini campane, di Afragola, nel napoletano, operaio in una ditta di costruzioni impegnata nei lavori di riqualificazione della Stazione ferroviaria jesina.

Il cantiere, ripartito il 4 gennaio dopo la pausa natalizia, ha visto gli operai tornare questa mattina al lavoro intorno alle 7.30 di mattina. Alle 8.30 la tragedia. Per cause in corso di accertamento, il 56enne, è stato travolto da un caricatore dal peso di oltre 70 tonnellate, condotto da un altro operaio, suo coetaneo. Non ci sono testimoni in grado di raccontare l’accaduto: secondo una prima ricostruzione, sembrerebbe che l’uomo fosse andato a recuperare del materiale e che stesse prendendo delle misure lungo la banchina. Forse non ha avvertito il caricatore muoversi – ipotesi che non convince pienamente i colleghi che, sotto choc, raccontano fosse un operaio esperto – oppure è scivolato o ha avvertito un malore, finendo tragicamente sotto il sollevatore.

Sul posto sono in corso i rilievi della Polizia del Commissariato di Jesi, la Scientifica e gli ispettori della sicurezza sul lavoro dell’Asur. L’uomo lascia una moglie e due figli. Sulla tragedia sarà aperta un un’inchiesta. Il cantiere è al momento sotto sequestro, la salma è stata trasportata a Torrette a disposizione dell’autorità giudiziaria. (c.c.)
Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.