Trame disperse, riflessioni sulla Prima Guerra mondiale | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Trame disperse, riflessioni sulla Prima Guerra mondiale

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Cento anni dalla Grande guerra: giovedì 12 novembre alle 17.30 al Salone Colocci di Palazzo Colocci di Jesi, un pomeriggio dedicato al ricordo della Prima guerra mondiale. Su invito del Centro cooperativo mazziniano di Jesi, Paola Sabbatini presenterà l’ultimo volume a cura del prof. Marco Severini dell’Università di Macerata: Trame disperse. Esperienze di viaggio, di conoscenza e di combattimento nel mondo della Grande Guerra (1914-18), che raccoglie gli Atti dell’omonimo Convegno di studi organizzato dall’Associazione di Storia Contemporanea nell’inverno scorso. Interverranno Marco Severini e Lidia Pupilli.

TRAME DISPERSE (Marsilio 2015)

Suddiviso in quattro parti e 25 differenti capitoli, Trame disperse analizza, attraverso approcci disciplinari differenti ma calati in una comune dimensione storica, casi di uomini e donne che compirono esperienze di viaggio, di conoscenza e di combattimento nel mondo della Grande guerra.

Come è stato dimostrato da una lunga stagione di studi, il primo conflitto mondiale non fu solo una grande odissea di scontri e battaglie, ma anche una drammatica esperienza collettiva che spostò milioni di persone attraverso imperi, nazioni e le periferie più disparate. L’idea centrale del libro è dunque quella di ricostruire vicende e itinerari di vita, di cultura, di viaggio e di combattimento relativi alla Grande guerra attraverso linguaggi e approcci tematici differenti: dalla storia alla letteratura, dalla linguistica alla storia dell’arte, dalla filosofia al diritto, fino alla storia dell’astronomia.

Tra i personaggi indagati ve ne sono alcuni famosi, altri quasi per niente: appartengono alla prima categoria il fisico Albert Einstein, l’artista Osvaldo Licini, lo scrittore Ernst Jünger, il filosofo Ludwig Wittgenstein, l’intellettuale Henry James, i futuri padri costituenti Piero Calamandrei e Giuseppe Chiostergi; ma quasi nulla il lettore comune conosce del capitano Arnaldo Berni, eroico protagonista della “battaglia più alta della storia” combattuta sul fronte alpino a 3.700 metri, o di Giuseppe Maganuco e Carlo Grassi i due eroici finanzieri di stanza ad Ancona che, nella notta del 6 aprile 1918, salvarono il porto dorico dalla temibile incursione di 62 soldati austro-ungarici.

Largo spazio il libro offre, poi, sia al ruolo svolto dalle donne durante la Grande guerra – tra di esse vi sono anche figure di spessore come la scrittrice Annie Vivanti, la studiosa e suffragista Teresa Labriola, la giornalista Flavia Steno, etc. –  sia alle vicende che toccarono la periferia marchigiana, una periferia che rappresentava in quegli anni un autentico laboratorio politico (si pensi al ruolo della Settimana rossa nel 1914) e che si trovò al centro di avvenimenti drammatici come il salvataggio coraggioso posto in essere, nel novembre 1917, da parte di alcune giovani di Marotta dei marinai di un’unità navale italiana arenatasi su quel tratto dell’Adriatico.

Trame disperse è però, in primis, un avvincente libro di storia e il lettore vi troverà cifre, dati e racconti della Prima guerra mondiale: un conflitto certo epocale per l’età contemporanea, ma ricco di contraddizioni e di scelte che, prese da pochi capi politici e militari, non smettono a distanza di un secolo di far discutere.

Il libro è stato presentato a Torino all’interno del XXVIII Salone Internazionale del Libro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.