«Trasporto pubblico, più steward per la provincia di Ancona, con contagio più diffuso» | Password Magazine

«Trasporto pubblico, più steward per la provincia di Ancona, con contagio più diffuso».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Immagine di repertorio

ANCONA – Nella mattinata odierna si è tenuto il periodico tavolo presieduto dall’assessore Guido Castelli per fare il punto con tutti gli operatori del trasporto pubblico regionale, ferroviario ed automobilistico. Come consuetudine la Regione settimanalmente si coordina con il mondo del trasporto in relazione all’andamento dei dati epidemiologici e alle dinamiche scolastiche, soprattutto ora che è ripresa la didattica in presenza delle scuole secondarie di secondo grado al 50%.  «Il quadro emerso è positivo, salvo sparutissimi casi già trattati – afferma l’assessore regionale ai Trasporti, Guido Castelli – La riorganizzazione dei servizi di trasporto pubblico ha permesso di rispettare le restrizioni sanitarie sui mezzi, ovvero non superare il riempimento dei mezzi sopra al limite del 50% della capacità totale ordinaria. Tale quadro era peraltro emerso anche dai tavoli prefettizi della scorsa settimana, dove anche i Prefetti sulla base del compito attribuito loro dal Dpcm vigente, hanno coordinato i piani operativi anche sul piano della sicurezza complessiva, in stretta collaborazione con forze dell’ordine ed EELL. In queste sedi, oltre agli Enti territoriali, si sono espressi anche i referenti degli uffici scolastici che non hanno evidenziato particolari criticità sul fronte dei trasporti. Il confronto tra il mondo della scuola e gli operatori dei trasporti resta comunque costante, al fine adottare gli ulteriori accorgimenti, anche per migliorare i fenomeni di potenziale assembramento a terra».

Il fronte del controllo degli assembramenti a terra, ovvero quello che succede tra l’uscita delle scuole e la salita a bordo dei mezzi di trasporto, è quello ritenuto di maggior attenzione e difficile da controllare, anche alla luce dei recenti andamenti dei valori epidemiologici sul territorio.

È proprio la visione integrata sui diversi ambiti, compreso quello sanitario, che ha spinto l’assessore Castelli a chiedere un maggior potenziamento dei controlli a terra, sulla base di alcuni dati meno positivi sul bacino di Ancona. «Su questo tema – aggiunge l’assessore – c’è già un grosso impegno di EELL, volontariato e forze dell’ordine, ma anche degli operatori del trasporto, che hanno prontamente risposto su Ancona con un incremento di dieci steward già dalla giornata di domani. In ultimo vale la pena ricordare come funziona la regola prevista dei Dpcm nazionali, che limita l’occupazione dei posti sui mezzi di trasporto. Questa prevede che il limite del 50% dei posti sia calcolato rispetto a quelli in piedi e a sedere previsti della carta di circolazione. Rientra quindi nella norma che su un mezzo extraurbano i posti a sedere siano quasi tutti occupabili, non dovendo adottare l’alternanza sistematica delle sedute».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.