Traviata in scena al Pergolesi: delizia udito e vista | | Password Magazine

Traviata in scena al Pergolesi: delizia udito e vista

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Foto Binci

A cura di Marco Torcoletti

JESI – La musica si alza e lo stupore l’accompagna da subito. Una scala ripidissima sfida la profondità del palcoscenico e l’occhio fatica a coglierne la mera proiezione. È la Traviata firmata da Franco Dragone, non nuovo alle sfide impossibili (dall’ideazione dello show di Céline Dion nel 2003 a Los Angeles, alla cerimonia di apertura e chiusura dei mondiali di calcio, in Brasile, nel 2014) sulle oniriche scene di Benito Leonori e con la direzione dell’Orchestra Sinfonica Rossini, affidata a Giuseppe Montesano. Un nuovo allestimento per un classico dell’opera, in cartellone al Pergolesi dal 3 al 5 febbraio, per la 49° stagione lirica del massimo jesino, nell’ambito della stagione unica “Opera Ancona Jesi”. Un gradito e atteso ritorno quello della “Dragone Studio”, dopo l’inaugurazione del XVI Festival Pergolesi Spontini in settembre, in una indimenticabile festa teatrale, seguita da oltre 2500 persone. Magistrale e senza sbavature il Coro Lirico Marchigiano “V. Bellini” di Carlo Morganti che, complice il lavoro della costumista Catherine Buyse Dian, ha rapito vista e udito dello spettatore, in una rilettura non banale della storia d’amore tra Violetta e Alfredo, tra le più intense e struggenti della letteratura e del teatro. Di ieri ed oggi, anche in forza della modernità del principale personaggio femminile il quale, secondo le parole dello stesso Dragone, “ci mette di fronte alle contraddizioni del nostro tempo e, con la sua fragilità, ci disarma”. Applauditi tutti gli artisti, a cominciare da Nunzia De Falco, in scena nella serata del 4 febbraio al posto di Salome Jicia, così come il giovane tenore coreano Sehoon Moon, in sostituzione di Ivan Defabiani, assente a causa dell’influenza. Ma anche quelli nei ruoli secondari, da Teresa Stagno/Annina a Daniele Adriani, alias il visconte di Létorières, da Omar Kamata nelle vesti del barone Douphol a Cüneyt Ünsal, marchese d’Obigny, fino a Enrico Marchesini, eccellente dottor Grenvil e Mariangela Marini, interprete di Flora Bervoix. Di particolare apprezzamento, infine, la prova di Giovanni Meoni nei panni del padre di Alfredo, che il pubblico ha omaggiato di un lungo applauso. Insomma, buona la prima di venerdì 3, ma non meno quella di sabato, premiata da un Pergolesi gremito e attento. E se è vero che non c’è due senza tre, lo spettacolo in programma per oggi pomeriggio alle 16 promette davvero bene.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.