Tribunale del Malato: «Area Vasta 2, a quando l'assunzione di personale?» | Password Magazine

Festival Pergolesi

Tribunale del Malato: «Area Vasta 2, a quando l’assunzione di personale?»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Abbiamo appreso  che nel corso della conferenza stampa tenutasi il 27 u.s.ci sono state rivolte critiche di allarmismo per quanto riguarda le nostre denunce sulla situazione del nostro ospedale. Fermo restando che quanto denunciamo è sempre oggetto di approfondita verifica e documentazione respingiamo al mittente tali critiche in quanto è sotto gli occhi di tutti lo stato di disagio in cui lavorano gli operatori sanitari, in particolare quelli del PS, oltre quello dei pazienti che subiscono lunghe attese per accertamenti e interventi». Così il Tribunale per i Diritti del Malato, coordinato da Pasquale Liguori, a seguito degli ultimi aggiornamenti forniti da Asur sul Carlo Urbani di Jesi: «Abbiamo provato più volte a confrontarci con le Istituzioni locali e regionali e siamo sempre stati ignorati. Nel merito delle soluzioni presentate in quella conferenza stampa  l’aver dichiarato 24 nuovi posti letto ci sembra fuorviante per chi legge; stiamo parlando di ripristinare quei posti già esistenti, che  in questi due anni di pandemia sono stati dedicati al covid. Detto questo tale ripristino sicuramente potrà dare una mano al PS, ma non può essere la soluzione al problema. Esprimiamo invece molte perplessità e preoccupazioni sull’altra soluzione prospettata: quella di utilizzare a chiamata i medici delle UO, parlare di prestazioni aggiuntive di medici già impegnati in reparti e/o addirittura paventare l’uso di strumenti autoritativi: per attuare ciò significa, ancora, una volta scaricare responsabilità e stress lavorativo sugli operatori già tartassati abbastanza.

Oltre a ciò un tale provvedimento, se applicato, oltre a impoverire ulteriormente l’attività dei reparti, potrebbe dar luogo ad azioni legali  in quanto sulla questione si è già espresso nel 2021 il Consiglio di Stato , ribadendo il principio della “corrispondenza tra l’assegnazione di incarico e la specializzazione del professionista” per cui non è possibile adibire personale medico ad attività che non sono coerenti con la specializzazione acquisita dai medici nell’espletamento dei servizi; si metterebbe peraltro   rischio la sicurezza della prestazione verso il paziente. Chiediamo dunque, al Governatore della Regione Marche, che tra l’altro non ha mai fatto sentire la sua voce sulle questioni della nostra sanità un confronto di merito sulla questione da noi più volte sollevata: perché in altre AV si fanno determine di assunzione di personale medico mentre nella nostra AV 2 non ne vediamo mai.

Concludiamo rendendoci disponibili a confrontarci pubblicamente con i candidati Sindaci di Jesi  per trovare soluzioni condivise al fine di salvaguardare il nostro ospedale».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.