Tribunale Diritti del Malato: «Vigilanza armata e ronde al Carlo Urbani» | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Tribunale Diritti del Malato: «Vigilanza armata e ronde al Carlo Urbani»

JESI – In data 21 novembre, il Tribunale per i Diritti del Malato di Jesi ha scritto alla Direzione dell’Area Vasta 2 per ribadire ancora una volta la necessità di attivare per il Carlo Urbani un servizio di vigilanza armata per il presidio del Pronto Soccorso e per una ronda notturna giornaliera che possa sorvegliare i 17 accessi del nuovo ospedale.

«Attualmente si entra e si esce dai vari accessi senza nessun problema: non vi sono porte allarmate, esiste solo una sala monitor, chiusa a chiave, ove arrivano le immagini delle telecamere installate, senza però che nessun operatore le presidi e quindi assolutamente inutili ed inutilizzabili – si legge in una nota stampa sottoscritta dal presidente Pasquale Liguori – Fatti accaduti in passato rendono necessario detto servizio, in particolare al Pronto Soccorso ove specialmente di notte si sono verificati atti violenti che hanno messo a repentaglio l’incolumità di pazienti e operatori. Ricordiamo che al Pronto Soccorso del vecchio ospedale del Viale vi è stato per anni un presidio della polizia. Le nostre richieste, ripetute nel tempo, non hanno mai trovato accoglimento da parte della Direzione ASUR».

Succede però che nel mese di novembre, consultando l’Albo pretorio della ASUR Area Vasta 2 «Leggiamo, increduli, che il Direttore ha firmato due determine (la 1619 e la 1641) per l’attivazione di un servizio di vigilanza armata per la sede di Fabriano (ospedale, Pronto soccorso  e sede amministrativa, valore appalto 176.732) e una per Ancona (ex crass, Loreto, Castelfidardo e Chiaravalle). E allora ci siamo chiesti  ma l’Ospedale di Jesi forse è meno importante di quello di Fabriano?Abbiamo quindi  scritto al Direttore chiedendo di attivare il servizio anche per  il Carlo Urbani, ma a tutt’oggi nessuna risposta. Noi teniamo alta l’attenzione sulla questione e non molliamo la presa».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.