Matt Cancelleria
Vai al Sito

Tribunale Diritti Malato: «Conferenza dei Sindaci, solo tre incontri in due anni»

JESI – Il Tribunale per i Diritti del Malato ha acquisito, con accesso agli atti, la documentazione relativa ai verbali delle riunioni della Conferenza dei sindaci di Area Vasta 2 (anni 2016 2 2017) per verificare la partecipazione dei Sindaci  alla stessa e quindi cercare di capire quale importanza attribuiscono i Primi cittadini a questo organismo, unica “arma” delle Amministrazioni comunali per far sentire  il loro peso nell’ambito sanitario.

Ne ricordiamo i compiti: definisce, nell’ambito della programmazione socio-sanitaria regionale, le linee di indirizzo per l’elaborazione del piano attuativo locale di cui all’articolo 15 della L.R. 18/2007; esamina ed esprime parere sul bilancio pluriennale di previsione e sul bilancio di esercizio della ASL di riferimento e rimette alla Giunta regionale le proprie osservazioni; esprime i pareri previsti all’articolo 3 bis, commi 6 e 7, del d. lgs. 502/1992, sull’operato del direttore generale dell’ASL e del direttore generale dell’azienda ospedaliera eventualmente insistente sul territorio di competenza; può richiedere alla Regione la revoca del direttore generale dell’ASL e del direttore generale dell’azienda ospedaliera eventualmente insistente sul territorio di competenza, nel caso previsto dall’articolo 3-bis, comma 7, del D.lgs. 502/199.

«Ebbene dai verbali pervenutici si evince anzitutto che, negli anni in questione, la Conferenza si è riunita solo tre volte ma il dato più preoccupante è quello della partecipazione dei Sindaci alla stessa – precisa il coordinatore del Tribunale per i Diritti del Malato Pasquale Liguori – Riunione del 28 giugno 2016 : presenti 17 su 50; Riunione del 25 settembre 2017 :presenti 22 su 50; Riunione del 4 ottobre 2017 : presenti 18 su 50».

Liguori afferma altresì, in una nota stampa, di non aver trovato traccia nei verbali degli incontri di quelli che sono i compiti sopra riportati né in merito alla definizione delle linee di indirizzo per l’elaborazione del piano attuativo né in merito ai pareri su bilancio di previsione /esercizio della ASL né tanto mento ai  pareri sull’operato del Direttore Generale: «E allora ci chiediamo quale funzione ha questo Organismo ? Quale importanza riconoscono ad esso i Sindaci ? Da quella che è risultata la partecipazione alle riunioni ci sembra si possa dire molto poca. E a tal proposito esprimiamo anche seri dubbi sulla validità delle riunioni fatte, tutti i regolamenti di funzionamento di tale organismo ritengono valide le riunioni solo con la presenza della maggioranza assoluta dei sindaci presenti e nel nostro caso nemmeno una riunione ha i requisiti.  Per quanto riguarda poi “le cose di casa nostra” non abbiamo letto nei verbali una sola riga  che riporti un solo intervento alla Conferenza del nostro Sindaco o Assessore alla sanità sulla situazione del Carlo Urbani».

3 Commenti su Tribunale Diritti Malato: «Conferenza dei Sindaci, solo tre incontri in due anni»

  1. Per diretta esperienza ho dovuto fare i conti con il servizio di Pronto Soccorso. (da sottolineare PRONTO) I tempi di attesa sono inimmaginabili ed indecorosi per un paese civile (vanno dalle 4 alle 12 ore di attesa).
    Il tutto non per il personale assolutamente incolpevole ma, per la evidente mancanza di locali e addetti (medici-infermieri), in considerazione del notevole flusso di pazienti da visitare. (chiusura di altri ospedali – spending review )
    Si assiste a lettini e persone poste in ogni dove. Indecente.

  2. Purtroppo tutto scontato, ma si deve sicuramente porre rimedio a questa situazione, essendo “Il Pronto Soccorso” un servizio, se non il servizio fondamentale, fornito al cittadino.

  3. I sindaci si dovrebbero occupare (preoccupare) del problema Osp. Carlo Urbani in tutti i suoi aspetti (parcheggi, reparti chiusi o ridotti, pronto soccorso……) molto seriamente.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*