Tribunale Diritti Malato incontra vertici Asur: “Priorità Pronto Soccorso e problema zanzare”

JESI – Il Tribunale per i Diritti del Malato (TDM) ha incontrato ieri il Direttore Generale Ing. Bevilacqua, presente anche l’Ing. Tittarelli, responsabile dell’Area Manutenzione dell’ASUR  per discutere della proposta di ampliamento del Pronto Soccorso. “Noi abbiamo rimarcato ancora una volta l’importanza di tale  richiesta  in quanto riteniamo che questo è il solo modo per dare dignità, riservatezza , sicurezza al paziente  ed all’operatore del Pronto Soccorso – fa sapere Pasquale Liguori del TDM –  Ogni altra soluzione non risolverebbe il problema di vedere file di barelle nei corridoi, non metterebbe fine ad una mancanza assoluta di privacy per i pazienti dietro i paraventi e, soprattutto, non eviterebbe di sentire effluvi maleodoranti che si avvertono costantemente nei corridoi del PS”.

Il Tribunale ha anche evidenziato al Direttore che non è assolutamente intenzione sottovalutare l’importanza delle altre attività del Carlo Urbani compresa quella delle dietiste le cui stanze dovrebbero essere utilizzate per ospitare la nuova Osservazione Breve Intensiva (OBI)  secondo il progetto presentato all’ASUR. Ma sta alla Direzione il compito di stabilire le priorità: “Se il PS lo è si faccia tutto il possibile per realizzare l’ampliamento – ribadiscono dal Tribunale – L’Ing. Bevilacqua, pur riconoscendo la validità del citato progetto, ringraziandoci per la  presentazione dello stesso, si è riservato di fare le verifiche tecniche e normative nei locali da noi proposti prima di darci una risposta definitiva sul progetto”. Nel corso della riunione il Tribunale ha anche sollecitato per l’ennesima volta  l’installazione di pompe di sollevamento acqua sulle vasche di accumulo presenti nei sotterranei dell’ospedale in quanto i ristagni di acqua, come più volte segnalato, costituiscono una  fonte enorme  di proliferazione di larve di zanzare.

“Il problema è quanto mai attuale  in un momento in cui le zanzare sono diventate protagoniste della cronaca per i fatti della bimba morta di malaria a  Brescia che pare abbia contratto la malattia da due altri pazienti ricoverati in ospedale con lei e sembra che il veicolo del contagio sia stata proprio la zanzara – puntualizzano dal Tribunale – Come ormai andiamo a dire da tempo, le  zanzare che siano anofele o altro sono un veicolo importante di trasmissione di malattie soprattutto per i pazienti immunodepressi, ogni anno esse provocano centinaia di migliaia di morti in tutto il mondo e proprio queste malattie strettamente collegate al diffondersi di zanzare si stanno presentando anche in Italia ove peraltro il crescente fenomeno incontrollato di immigrazione fa aumentare le nostre preoccupazioni. Alla luce di tutto questo auspichiamo quanto prima che la Direzione metta fine ai ristagni di acqua con interventi strutturati e non con semplici pulizie periodiche”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*