Tribunale Diritti Malato: “Senigallia rivendica l’Utic Cardiologia, il rischio è di penalizzare il Carlo Urbani”

JESI – “Nell’apprendere con soddisfazione della richiesta di Giancarli all’ASUR circa l’urgenza di procedere ad una bonifica dell’area del Carlo Urbani  per debellare in maniera definitiva il problema zanzare e scarafaggi , cosa che questo Tribunale per i Diritti del Malato chiede da anni , auspichiamo che tale richiesta non si traduca in una semplice disinfestazione dell’area esterna dell’ospedale ma che vada finalmente ad affrontare la problematica  dei ristagni di acqua nei sotterranei dello stesso con l’installazione di pompe di sollevamento acqua”. Così si legge in una nota stampa del Tribunale per i Diritti del Malato che se da una parte si dice soddisfatto dall’altro nutre ancora molta preoccupazione “per quanto letto sulla stampa circa le dichiarazioni del presidente Volpini nel corso della riunione della commissione consiliare di Senigallia nella quale si è discusso della dislocazione dell’UTIC -Unità intensiva di Cardiologia che Senigallia rivendica per sé (ricordiamo che in base alla legislazione  nazionale ci sono due UTIC per tre ospedali ( Senigallia, Jesi e Fabriano)”.

Il Presidente Volpini ha dichiarato che l’assegnazione dell’UTIC in questione avverrà sulla base dei reali volumi di carichi di lavoro dei rispettivi reparti di Cardiologia, dichiarando già che i numeri danno ragione a Senigallia. “Noi non vogliamo assolutamente aprire una “guerra tra poveri” e quindi non intendiamo metterci in competizione con Senigallia  – si legge nella nota – Vogliamo però che finalmente i cittadini si approprino di un loro diritto sacrosanto: quello dell’informazione, vogliamo che i cittadini vengano debitamente informati di tali numeri , vogliamo conoscere i nosti numeri per poterli confrontare con quelli delle altre realtà dell’Area Vasta 2 e non solo per UTIC ma anche per altre branche in discussione come la Gastroenterologia, l’Otorino, l’Oculistica. Per questo che chiediamo alla Commissione Consiliare sanità del Comune di  Jesi di rendere pubblici  questi dati prima che si compiano scelte regionali che ancora una volta penalizzino il nostro ospedale”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*