Tribunale Diritti Malato: "Non summit politici ma iniziative per risolvere i problemi del Carlo Urbani" | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Tribunale Diritti Malato: “Non summit politici ma iniziative per risolvere i problemi del Carlo Urbani”

JESI –  «Registriamo con soddisfazione che dopo le nostre ripetute denunce sulla stampa cittadina, finalmente, prima il Consigliere Regionale Giancarli, ieri Sindaco e Assessore alla Salute si siano come si dice “passati la mano sulla coscienza” ed abbiano sentito la necessità di incontrare i vertici dell’ASUR». Così il Tribunale per i Diritti del Malato commenta i recenti sopralluoghi delle istituzioni politiche al Carlo Urbani: «Noi però ci chiediamo a cosa servono questi “summit”, peraltro già fatti in passato, quando poi gli impegni presi non vengono mantenuti da ASUR e Regione  – puntualizza il Tribunale – Ci vorrebbe ben altro come per esempio iniziative forti e partecipative dei cittadini con le istituzioni comunali per chiedere a gran voce di ridare dignità al nostro ospedale e a chi ci lavora. Non ci è dato modo di conoscere i dettagli della discussione sulle criticità del Carlo Urbani ma da quello che abbiamo letto ci sembrano mancare “alla discussione” parecchi argomenti importanti».

Tra le questioni urgenti da affrontare, il Tribunale per i Diritti del Malato sottilinea: chiedere all’ASUR i dati sui volumi di attività delle varie UO per poi raffrontarli con quelle delle altre realtà dell’AREA Vasta 2 prima di vederci chiusa qualche Unità Operativa (vedi Cardiologia, Gastroenterologia ecc); avere notizia finalmente dei 54 posti letto che mancano nel nostro ospedale rispetto a quelli che ci sono stati assegnati dopo la riorganizzazione regionale; chiedere di mettere mano in maniera definitiva ai ripetuti malfunzionamenti della climatizzazione invece che riempire i reparti di condizionatori portatili; conoscere quando la Direzione dell’ASUR installerà le pompe di sollevamento acqua negli interrati per evitare la proliferazione di larve di zanzare che infestano l’ospedale.

«Ma l’elenco di cose che non vanno potrebbe continuare ancora – conclude il Tribunale – a cominciare dal necessario ampliamento del Pronto Soccorso e dall’urgenza di modificare la viabilità che porta in Ospedale per le quali cose noi abbiamo già proposte operative ma da quello che abbiamo letto noi del TDM non siamo ritenuti da Sindaco e Assessore interlocutori da sentire in occasione di tali incontri e di quelli futuri ci è sembrato di capire che l’impegno dell’Amnistrazione comunale con l’ASUR prevede di “parlare con i medici e condividere le loro problematiche”; noi allora ci chiediamo ma quando i cittadini avranno spazio per dire la loro?».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.