Troppe buche e strade degradate, i cittadini inviano petizione al Comune

JESI – Una petizione firmata da settanta cittadini di Jesi è stata inviata circa un mese fa al Sindaco di Jesi, ma ancora nessuna riposta e nessun contatto da parte dell’amministrazione comunale: i cittadini sono indignati e chiedono trasparenza.

La petizione era stata portata avanti per denunciare lo stato di degrado dell’asfalto stradale e dei marciapiedi che mette a rischio l’incolumità di coloro che ci vivono e che ci transitano. Ma dopo circa un mese dalla presentazione della petizione le risposte si fanno ancora attendere e ciò che si percepisce non è positivo: “Questo modo di fare lascia trasparire chiaramente il vero volto di questa Amministrazione – commenta Pasquale Liguori, cittadino che ha preso parte alla petizione – ascoltare e accogliere le richieste del cittadino non è evidentemente nel “DNA” di chi ci amministra”. Ma ciò che rende curiosa l’intera situazione sono i lavori di manutenzione del manto stradale iniziati a pochi giorni di distanza dalla presentazione della petizione: “Ovviamente non abbiamo pensato che ciò sia avvenuto per effetto della nostra petizione – continua il cittadino – sicuramente nel programma di manutenzione era già prevista una asfaltatura del manto e così ci siamo lasciati andare all’entusiasmo di vedere finalmente realizzate le nostre richieste”. Ma l’entusiasmo ha vita breve: i lavori hanno coinvolto un pezzo di Via Rosselli, un pezzo di largo Grammercato, un avvallamento su Via Battisti sistemato con una toppa e nessun rifacimento dei marciapiedi; insomma, un lavoro a “macchia di leopardo” per così dire.

“Questi lavori non accontentano nessuno e lasciano intatti i pericoli descritti nella petizione- continua Liguori – E nel frattempo, la nostra città si riempie di piste ciclabili fatte su strade dissestate e piene di avvallamenti con grave rischio per chi decidesse di percorrerle”.

 

 

 

1 Commento su Troppe buche e strade degradate, i cittadini inviano petizione al Comune

  1. Secondo me se po’ da’ pure na raccolta firme, ma tanto il problema persisterra’ sempre. Ce vogliono i quadri’: se questi non ce tocca tira’ avanti come se po.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*