Troppi farmaci da assumere, arriva l’ambulatorio di «de-prescrizione».

JESI – Prenderà il via a partire da settembre l’ambulatorio di riconciliazione farmacologica. Primo nel suo genere in tutta l’Asur, il servizio partirà in via sperimentale al Carlo Urbani di Jesi: sarà l’Unità Operativa Complessa di Medicina Interna del Presidio ospedaliero di Jesi diretta dal dr. Marco Candela, Direttore Dipartimento Medicina AV2,  ad indirizzare uno dei suoi ambulatori internistici divisionali a questa criticità, grazie anche all’opportunità di adozione dello strumento “Intercheck”, nell’ambito di un’importante collaborazione in corso con l’Istituto Mario Negri di Milano.

«Il favorevole prolungamento della spettanza di vita ha comportato una crescita esponenziale di pazienti polipatologici, soggetti a prescrizioni di molti farmaci – ha spiegato il dott. Marco Candela,  direttore del Dipartimento di Medicina dell’Area Vasta 2 – Il 21% della popolazione sopra i 65 anni assume più di 10 farmaci al giorno».

«Si tratta di un progetto innovativo in cui l’ASUR crede molto e che nasce da una serie di studi e approfondimenti legati al tema dell’ aspettativa di vita e dell’assunzione di farmaci» ha aggiunto il direttore dell’Area Vasta 2 Giovanni Guidi, affiancato dal Direttore Sanitario dell’Azienda dr.ssa Nadia Storti, durante l’illustrazione dell’iniziativa alla stampa.

Presenti anche i medici di Medicina Interna e  Farmacisti che hanno partecipato alla realizzazione dell’ambulatorio e che vi opereranno in sinergia, oltreché il sindaco Massimo Bacci.

L’attività dell’l’Ambulatorio prenderà avvio dal prossimo mese di settembre e sarà gestito da un Medico Internista, un Medico di Medicina Generale del Distretto di Jesi ed un Farmacista Ospedaliero e sarà attivabile in pazienti politrattati (ovvero con un numero di farmaci prescritti superiore a 7), attraverso specifica impegnativa recante la dicitura “Visita Internistica – Ambulatorio Riconciliazione Farmacologica”.

 «La Medicina Interna e la Medicina del Territorio hanno le carte in regola per limitare questa problematica, sia per la frequentissima osservazione di questa specifica fetta di popolazione, sia mediante una visione globale del paziente e non di somma matematica di singoli trattamenti di plurime condizioni patologiche – continua Candela – Il progetto consentirà d’introdurre virtuosi percorsi di “de-prescrizione”, quale atto medico formulato in base a criteri consolidati in letteratura ed in grado di guidare un importante aspetto dell’appropriatezza terapeutica ovvero la prevenzione della “patologia da farmaci”».

 All’argomento, di strettissima attualità, verrà dedicato inoltre uno specifico evento formativo il prossimo 18 settembre, a Jesi, dal titolo: “Less is more: più facile prescrivere che deprescrivere”, al quale sono invitati a partecipare medici e specialisti. Nella circostanza saranno trattate le tematiche della “polipatologia”, degli atteggiamenti iperprescrittivi, del fenomeno di “add on therapy” che risulta spesso legato ad un altissimo rischio di cedere all’assioma “un sintomo, un farmaco”, al fine di limitare ed auspicabilmente prevenire l’incessante proliferare di condizioni nosologiche legate ad eventi avversi o interazioni farmacologiche, spesso motivo nella popolazione anziana di ospedalizzazioni o esiti sfavorevoli.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*