«Troppi rifiuti sulle sponde dell'Esino»: l'indagine del circolo jesino Legambiente | Password Magazine

«Troppi rifiuti sulle sponde dell’Esino»: l’indagine del circolo jesino Legambiente

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il Circolo Legambiente Azzaruolo di Jesi in occasione delle campagna nazionale di Legambiente
“Beach litter 2021”, da quest’anno aperta anche ai fiumi del territorio visto il loro elevato apporto all’inquinamento
dei mari, ha campionato i rifiuti presenti nelle sponde del fiume Esino nell’area Moreggio.

«Nel campionamento di 300mq (metri quadrati) di area sono stati trovati 213 rifiuti – si legge in una nota di Legambiente – con una media di 71 rifiuti per 100mq che supera il target di riferimento stabilito a livello europeo per considerare una spiaggia in buono stato ambientale, ovvero con meno di 20 rifiuti».

MAR_ESINO_01a (1)
I rifiuti censiti dal Circolo sono di ogni forma e tipo: per lo più pezzi di plastica il 58%, pezzi di
vetro di bottiglia il 19%, metalli vari il 12%, materiali da costruzione il 5% ed altro per il 6%. Tra i rifiuti
censiti sono stati rinvenuti, inoltre, 2 pezzi di Eternit, un parafango di camion in fibra di vetro ed un
evaporizzatore da frigo.

fiume esino

 

«Tutto questo materiale, se non intercettato – ha dichiarato Francesca Paolini – presidente del Circolo Legambiente Azzaruolo – finisce in mare e distrugge gli ecosistemi, minaccia la fauna marina e rischia di soffocare per sempre uno dei più grandi patrimoni che abbiamo, il nostro Pianeta blu. Con queste indagini, Legambiente – ha continuato la presidente – grazie all’impegno dei volontari e delle volontarie, comunicherà i dati raccolti all’Agenzia Europea dell’Ambiente per creare un grande database sui rifiuti».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.