Truffa del caro estinto, cinque arresti. Indagati medici e imprese funebri | Password Magazine
Festival Pergolesi

Truffa del caro estinto, cinque arresti. Indagati medici e imprese funebri

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

PESARO – Cadaveri sezionati per rubare pace-maker. Corredi funerari venduti a 500 euro e vestizioni a pagamento dei defunti eseguite senza versare un euro nelle casse dell’ospedale.

Cinque ex necrofori impiegati all’obitorio di Pesaro  sono stati arrestati dalla Gdf, e altre 29 persone, fra cui medici e impresari funebri, sono indagate per peculato e truffa aggravata, rivelazione di segreto d’ufficio ed esercizio abusivo della professione medica.

Pilotate dalla ‘cricca del caro estinto’ anche le esumazioni delle salme al cimitero: secondo quanto emerso dalle indagini, i cinque ricevevano delle somme di denaro dagli impresari funebri per ogni funerale che riuscivano a procurar loro con guadagni extra fino a 10 mila euro al mese.

I necrofori erano anche addetti ala vestizione delle salme, operazione che andrebbe fatta in ospedale. I cinque si accordavano invece coi familiari dei deceduti ed eseguivano l’operazione a domicilio, intascandosi i 500 euro previsti e destinati alla struttura sanitaria.

Tre degli arrestati, in modo abusivo, praticavano anche interventi sui cadaveri per asportare pacemaker e altri presidi sanitari che potevano poi essere venduti a medici.

Mezzolani: “Fatto grave e inqualificabile, entro domani le relazioni richieste”

“Un fatto grave, inqualificabile, sul quale agiremo con determinazione. Entro domani mattina attendiamo le relazioni dettagliate sull’accaduto che abbiamo subito chiesto alle direzioni dell’Azienda ospedaliera Marche Nord e dell’Asur, in modo da avere una ricostruzione completa della vicenda e valutare tutte le possibilità, compresa quella di costituirci come parte lesa”. È quanto afferma l’assessore alla Salute, Almerino Mezzolani, in merito alla truffa sul caro estinto scoperta dal Nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza di Pesaro. “La vicenda è emersa anche grazie alla collaborazione che l’Azienda Marche Nord ha assicurato agli investigatori – chiarisce Mezzolani – Abbiamo il massimo rispetto per il lavoro degli inquirenti che sta mettendo in luce un fatto inaudito che discredita la stessa attività dell’Ospedale San Salvatore. Saremo determinati nelle decisioni da prendere, una volta in possesso delle relazioni richieste”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.