Truffa del falso avvocato/carabiniere, anziana raggirata consegna oltre 6 mila euro

JESI – Falso carabiniere truffa un’anziana, sottraendole un bottino da 6500 euro. È successo ieri mattina, a una 74enne residente in via Buozzi. Il raggiratore ha prima contattato la signora al telefono, utilizzando la tecnica del «falso avvocato» o «falso carabiniere/poliziotto» che avverte la vittima del presunto incidente di un parente: «Signora, sua figlia è coinvolta in un sinistro stradale. Stiamo effettuando gli accertamenti in caserma, per il rilascio è necessario pagare una somma». Parole che sono diventate un cliché di chi utilizza questo metodo di truffa per raggirare gli anziani, con casi in tutta Italia. Spaventata da quanto riferito dal presunto militare, la donna ha accettato di pagare: poco dopo, suonava alla porta il falso maresciallo – senza divisa perché affermava di essere «in borghese» – per il ritiro della somma. La poveretta gli ha consegnato così i suoi averi, circa 6500 euro in contanti. Solo poche ore dopo, la 74enne si accorgeva del raggiro. I familiari si sono poi rivolti al 112 per denunciare il fatto.
Un caso simile si era consumato nella vicina Ancona pochi giorni fa, con un’anziana truffata per 8 mila euro.
Due gli episodi simili di raggiro segnalati a Jesi nell’estate del 2017, uno riuscito e l’altro no: nel secondo caso, l’anziano aveva sventato la truffa,  ricordando che le forze dell’ordine non chiedono denaro né in caso di sinistri stradali né di contravvenzioni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*