Turismo dopo il covid, Crognaletti: «Opportunità di rilancio per le Marche» | | Password Magazine

Turismo dopo il covid, Crognaletti: «Opportunità di rilancio per le Marche»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Turismo travolto dal virus ma all’orizzonte si intravedono nuove occasioni di rilancio. Ne è convinto Daniele Crognaletti, amministratore delegato di Esitur Viaggi: «In questi giorni la situazione è cambiata, l’emergenza che stiamo affrontando ci costringe a rivedere tutte le prospettive e i piani di azione che avevamo per il futuro – afferma l’imprenditore -. In questo momento, il mercato del turismo è fermo, così come quello dei trasporti e il flusso di visitatori dall’estero verso l’Italia. Tre segmenti che possono sembrare diversi tra loro ma che in realtà sono tra loro collegati». Ogni giorno, gli operatori del settore si interrogano su come adattarsi al cambiamento, come rivoluzionare il mercato una volta che si potrà ripartire dopo il coronavirus: «Questa emergenza ci sta travolgendo, è una guerra – spiega Crognaletti – , ma siamo certi che ne usciremo, continuando a rispettare le misure anticontagio. E quando arriverà il momento in cui si potrà ripartire, credo che ad aspettarci ci saranno opportunità positive, anche sul breve periodo».

Per l’amministratore delegato di Esitur, il turismo del domani sarà differente: «Sarà un turismo Italia su Italia, con una competizione che coinvolgerà anche città e paesi turistici del Paese che prima puntavano a un mercato estero ed ora invece dovranno attirare visitatori dal territorio nazionale». Una guerra spietata: «Assisteremo a una contrazione dei prezzi per cercare di recuperare la propria fetta di turisti da ogni zona del Paese. Città come Senigallia, ad esempio, che vive di mercato prevalentemente italiano potrebbe calamitare flussi sempre dal mercato nazionale e allo stesso tempo scontrarsi con località come Forte dei Marmi che invece era meta di russi».

In tutto questo, l’Ad di Esitur coglie un’opportunità per le Marche e per il futuro: «Se il mercato Italia su Italia ripartirà, la nostra regione avrà in questo momento un ‘occasione enorme. Questo perché la nostra è una di quelle regioni bellissime e ricchissime, con tanti luoghi da visitare,  enogastronomia, cultura, sport…risorse che possono entrare immediatamente in competizione con altre località che finora avevano avuto un mercato dall’estero e che ora punteranno anche loro su quello nazionale, pur essendo le più blasonate, come Napoli o Venezia. Le Marche, generalmente, sono quelle che si visitano in seconda battuta. Gli italiani che prima andavano all’estero ora riprenderanno a viaggiare in Italia ed è molto probabile che potranno farlo nelle regioni». Da qui, una grande opportunità di rilancio per i territori marchigiani. Ovviamente, è necessario anche dare ossigeno alle imprese, sopratutto in questa fase:  «Non metto in discussione i 400 miliardi di liquidità, giustissimo per chi è in difficoltà finanziaria – aggiunge -. A noi imprenditori quello che più interessa è però mantenere viva la classe media del paese, quella classe che lavora nelle nostre aziende. Per farlo occorrono posti di lavoro e per continuare a garantirli il governo dovrà studiare una seria decontribuzione, una riduzione della spesa pubblica per liberare risorse agli imprenditori».

«La crisi – conclude Crognaletti – non deve farci paura ma dobbiamo affrontarla, trovare soluzioni per vincere».

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.