Turnover si rinnova: inaugurate le foto d'artista di Francesca Tilio | | Password Magazine

Turnover si rinnova: inaugurate le foto d’artista di Francesca Tilio

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI- Inaugurate oggi, sotto l’Arco del Magistrato, le due foto dell’artista Francesca Tilio, inserite all’interno del progetto TurnOver, di CNA in collaborazione con Premiata Fonderia Creativa e Caffè Imperiale di Jesi.

Lo spazio espositivo, che si trova tra Piazza della Repubblica e via degli Orefici, ha preso il via lo scorso Dicembre, e in quest’occasione si rinnova con altre due opere di Francesca Tilio, che hanno la volontà di donare un’inedita prospettiva visiva e relazionale di luoghi carichi di fascino, come appunto gli atelier degli artisti.

“Turnover è uno strumento che avvicina l’arte contemporanea alla città, gli artisti alla città, che contribuiscono a far crescere la sensibilità dei cittadini a quello che è ospitato anche altrove.

Non soltanto su queste pareti, ma anche nelle diverse situazioni museali cittadine. L’idea è quella di chiedere a persone che amano la loro città e che in qualche modo la portano nel loro cuore, di prestare attenzione anche a questi scatti d’artista” – ha detto l’Assessore alla Cultura Luca Butini.

“Ho pensato a degli spazi che mi piacciono particolarmente, e ho ricondotto così il mio pensiero allo studio di Marta Mancini, che è una bravissima artista jesina” – ha commentato Francesca Tilio, riferendosi alla bottega orafa di Marta Mancini, all’interno del Chiostro Sant’Agostino.

Una sinergia molto forte e sentita, percepibile anche all’interno delle due opere: gli abiti indossati dalle modelle ritratte appartengono alla Marchesa Maria Cristina Colocci, attualmente conservati nella Casa Museo Colocci.

“Questo progetto nasce da un desiderio- racconta Graziano Giacani, co-fondatore di Premiata Fonderia Creativa- che è quello di fare qualcosa per la città: ma chi è che dovrebbe fare qualcosa per le città? Probabilmente le istituzioni o cose del genere. Questo progetto fa capire che basta farlo nascere, c’è la volontà di un barista che vuole valorizzare il proprio posto, un’associazione di categoria che tiene alla città, un’istituzione che vorrebbe fare ed ecco la sinergia che crea una finestra sulla nostra identità. Con questi piccoli gesti può nascere una piccola rivoluzione, perché ci fa scoprire Jesi con un occhio diverso”.

Le contaminazioni degli artisti e degli artigiani jesini sono da oggi visibili al pubblico accanto al Caffè Imperiale.

 

A cura di Giovanna Borrelli

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.