Tutte insieme Non Una di Meno per #LottoMarzo | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Tutte insieme Non Una di Meno per #LottoMarzo

JESI – Non sarà una giornata celebrativa, in cui accettare mimose e magari un invito a cena. L’8 marzo sarà piuttosto occasione di lotta per i diritti delle donne e per dire stop alla violenza. Un vero e proprio sciopero che coinvolgerà le donne di tutta Italia nell’iniziativa “Non una di Meno”. Jesi compresa. Via rose e mimose, dunque, il nuovo simbolo della giornata è la matriosca, bambola che ne contiene all’interno un’altra e poi un’altra ancora. L’immagine evoca quante donne, nel mondo, tutte insieme, possano insieme rappresentare una forza potenzialmente infinita l’una insieme all’altra.

Grazie alle associazioni del coordinamento Donne Jesi – U.D.I, Fidapa, La strada di Sergio, Casa delle Donne e Casa delle Culture – sono diversi gli appuntamenti in programma che avranno al centro la donna.

A partire da domani 2 marzo, quando al Palazzo dei Convegni, dalle ore 18.00, si lavorerà per preparare lo sciopero in “8 punti per l’8 marzo”: basta alla violenza contro le donne e alla violenza di genere, sì al lavoro senza sfruttamento e precariato, welfare per tutte, aborto sicuro e garantito, scuole capaci di educare alle differenze e di prevenire e contrastare le forme di violenze, libertà di movimento e di autodeterminazione, lotta dei migranti e delle migranti, possibilità di decidere sui propri corpi, della salute e del piacere di ognuna, no alle politiche repressive e ai linguaggi e pratiche mediatiche sessiste e misogine. All’occasione interverrà Samantha Nisi, rappresentante di “Non una di Meno” che racconterà la nascita del movimento in Argentina.
Per aderire allo sciopero dell’ “Lotto Marzo”, ciascuna manifestante dovrà vestirsi di nero con qualcosa di fucsia, astenersi dalle attività di cura quotidiane (spesa, consumi, cucina e pulizia), fermarsi anche solo un minuto in qualsiasi luogo di lavoro testimoniando con un video o con un selfie l’astensione.

Il corteo manifestante, sonoro e rumoroso, si svolgerà l’8 marzo alle ore 18.30 da Corso Matteotti a Piazza della Repubblica, con un flash mob organizzato in collaborazione con la Palestra Linea Club di Jesi e Pizzica Pizzica di Barbara Piattella.
Ci sarà anche la mostra “Otto per l’otto” al civico 46 di Corso Matteotti con una mostra a tema organizzata a cura di otto artiste: Giulia Angeloni, Angelisa Bertolini, Morena Chiodi, Giulia Di Vitantonio, Lughia, Martina Marchetti, Renata Perlini, Cecilia Piersigilli. La mostra resterà aperta fino al 12 marzo, dalle 17 alle 20.

Lo Sportello Anti Violenza – Casa delle Donne

Sono circa 250 le donne che negli ultimi 10 anni si sono rivolte allo Sportello Anti Violenza della Casa delle Donne per denunciare casi di violenza fisica, psicologica e economica e stalking. Secondo quanto riportato dalla Casa delle Donne, straniere ma anche donne della zona e giovani ricorrono alla struttura per richiedere assistenza. Contrariamente a quel che si pensa, si rivolgono allo Sportello vittime provenienti non solo da condizioni di vita disagiate ma anche donne che sono istruite e con un’occupazione. Lo sportello è sempre attivo al numero delle emergenze 366 4818366.


Dopo l’8 marzo

Proseguono durante tutto il mese di marzo le iniziative dedicate alle donne, inserite nel programma del Coordinamento: il 18 marzo, alle ore 17.00, presso il Palazzo dei Convegni, la sezione Fidapa Jesi organizza il convegno “Le Tante Sfumature di Venere” con Nazzarena Marchegiani, docente Eridano School e Consulente Olistico Trainer, fondatrice del Centro studi il Risveglio.  Giovedì 23 marzo al Teatro “V. Moriconi, ore 21.00, “Straordinarie Donne”di e con Lavinia Grizi, una lettura scenica e spettacolo su Anna Magnani, Joyce Lussu, Alda Merini e Franca Rame con interventi musicali di Luciana Bastarelli al violino e Lucia Marziali al piano. Frammenti di vita, pensieri, ricordi ed emozioni  suggestivamente interpretati dalla voce di Lavinia Grizi. Sabato 25 marzo, a Villa Borgognoni, ore 17.30, Sportello Antiviolenza Jesi, Spaziostello, Udi, Casa delle Donne, Casa delle Culture e La Strada di Sergio organizzano l’incontro “Trasmigrazioni, Storie di donne, di violenze e di rinascite” con Simonetta Peci autrice, Pina Ferraro Fazio Consigliera di Parità della Provincia di Ancona, Lindita Elezi Commissione Pari opportunità della Regione Marche, Maria Traclò Sportello Antiviolenza Donne.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.