Tutti al Prado, c'è la Festa del Cordaro a Jesi | | Password Magazine

Tutti al Prado, c’è la Festa del Cordaro a Jesi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Tutti al Prado, c’è la Festa del Cordaro: dal 21 al 25 agosto torna la kermesse che riunisce tutto un quartiere in festa, sulla scia delle tradizioni e del senso di comunità. Presentata oggi in conferenza stampa la cinque giorni che animerà le serate estive di questa penultima settimana d’agosto a Jesi. Micheal Bonelli di Willer & Carson, l’associazione culturale che insieme agli Amici del Prato organizza l’iniziativa, ha illustrato il programma affiancato dall’assessore alla Cultura Luca Butini.
Ad aprire la manifestazione, sarà l’apertura inaugurale con i gruppi storici dell’Ente Palio San Floriano – come spiegato oggi dal presidente Emanuel Santoni – che, dalle 19, traghetteranno il pubblico fino all’apertura degli stand “Magna e Bevi”. Alle 21.30, ci sarà La Macina con «E io vojo reggira’ lla roda» a consolidamento di un partnership avviata già con Cento Anni di Otto Ore tra Willer & Carson e La Macina con Gastone Petrucci. Giovedì si replica con serata country alle 21.30 insieme ai Mad Boot, con esibizioni, animazione e tanto divertimento, insieme alla possibilità di imparare i primi passi. Venerdì sera, la Corrida dei Jesi, sabato ballo liscio con l’Orchestra Ballando Muntobé mentre domenica gran chiusura con Il Sipario e la commedia “Chi pe’ riffe, chi pe’ raffe”.
Ogni giorno, il tiro con l’arco insieme agli arcieri storici dell’Ente Palio San Floriano, Area Bambini e Zona Relax. Ci saranno anche i video di Geniale Olivieri, proiettati ogni sera a partire dalle 21, e l’iniziativa Lettere dal PraDo con la autrice scrittrice drammaturga attrice regista Emanuela Corsetti, dove ognuno potrà farsi scrivere una lettera bella a un parente, a un amore perduto, a chi vorrà dire qualcosa. Dalle cucine Donna Flora, regina indiscussa della Festa del Prado, sarà pronta a saziare tutti con i piatti ispirati alla tradizione locale e ai sapori di una volta. A deliziare orecchie e spirito, gli stornellatori in jesino della Damigiana.  Non poteva mancare l’altro protagonista della festa, l’ultimo cordaro di Jesi, il maestro Pietro Montesi che ricorderà l’antico mestiere. Tra le collaborazioni di questa edizione 2019 c’è anche quella con l’associazione Vip Clown Vallesina che porterà sorrisi e allegria con attenzione al sociale. Tante partnership riconfermate e altre nuove sono i pilastri della festa che già annuncia di diventare qualcosa di più ampio, in grado di lasciare un impronta nel quartiere:  «Da settembre lanceremo il nuovo brand Le Botteghe del Prado, ideato insieme all’agenzia di comunicazione Studio Gamma, pensato per far rivivere il quartiere anche attraverso il commercio – spiega Bonelli – Il 14 settembre introdurremo una shopper con un’iniziativa che coinvolgerà i negozi contrassegnati da apposita vetrofania».

Gli organizzatori della Festa del Prado hanno in progetto anche di recuperare una vecchia ruota del Cordaro da restaurare e restituire al quartiere e di realizzare una targa dedicata a Marta Coltorti, amica del Prado recentemente scomparsa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.