“Tutti al Prado” riscoprire l’identità di un quartiere, intervista a Michael Bonelli

USERNAME – Dopo l’intervista all’influencer Silvia Baldoni, questa volta per la rubrica Username, andiamo ad incontrare un’artista dell’improvvisazione e regista di eventi, già ideatore di “100 anni di 8 ore” centenario dedicato alla figura di Gemma Perchi, Michael Bonelli.
Riscoprire l’identità di un quartiere storico, valorizzarla e comunicarne, al resto della città, le caratteristiche. Questa è Tutti al PraDo,  manifestazione giunta alla sua terza edizione, contenitore che ha accompagnato la Festa del Cordaro, presente da oltre 10 anni.

“Tutti al Prado” torna con l’edizione 2019. Quali sono le novità più importanti?

MB: Quest’anno la III edizione dell’evento “Tutti al PraDo !!!” si compone di 3 colonne:
1) la storica Festa del Cordaro nata oltre 10 anni fa grazie agli Amici del Prato
2) Lettere dal PraDo con la scrittrice e regista Emanuela Corsetti, progetto in cui chi vorrà potrà far scrivere una lettera ad un amico lontano, a un parente, a un amore perduto

3) Botteghe dal PraDo in cui si lavorerà su Storia Identità e Qualità dei Negozi, delle Botteghe, dei Mestieri etc … lanciando in quei giorni una serie di iniziative tra cui il prossimo 14 settembre (sorpresa).

Comunicare l’identità storica di un quartiere con una festa. Perché “viverla” funziona meglio?

MB: Chiunque di Noi ha una identità (quasi ovvio dirlo) e oggi la si cerca, si vuole riscoprirla; nel quartiere Prato questa è molto forte e il lavoro di questi 3 anni più 1 lo dimostra (il 2016 con Storie del PraDo in cui c’era la scoperta di Gemma Perchi e del suo vissuto).

Quale caratteristica degli abitati del Prato ti ha appassionato ed ispirato di più nella direzione artistica dell’evento?

MB: Mi piace la capacità di fare “cagnara” (ride), la voglia di darti accoglienza e comunque di aiutare gli altri del Quartiere, una perla rara che vogliamo valorizzare. Il Quartiere Prato è uno dei quartieri è un luogo in cui si trovano ancora le Persone d’estate sedute fuori con le sedie a chiacchierare, a raccontare con le iperboli narrative tipiche della tradizione orale. Noi vogliamo aumentare questo spazio e metteremo a disposizione fin dal pomeriggio i luoghi dell’evento affinché ci si possa reincontrare. Lo scorso anno due vecchiette rivedendosi il pomeriggio alla festa dissero che era strano, abitando a 200 metri l’una dall’altra, incontrarsi alla festa. Noi creiamo una occasione, un momento in cui rivedersi, fare comunità e vivere la jesinità.

Tanti richiami alla storia del quartiere, a partire dal cordaro, ma anche tradizioni di tutta la città, dal famoso medioevo, rievocato dall’Ente Palio, fino alla commedia recente. Quanto del “Prado” c’è nell’identità moderna jesina?

MB: L’identità jesina è un fiume i cui affluenti gioiosi pradaroli, minonnari, sanpietrini etc … scorrono con le proprie diverse acque a comporlo tutto. Siamo sicuri che grazie alla sinergia tra le diverse Associazioni, gli Artisti, gli Operatori, la Amministrazione e i Cittadini questa identità diventerà ancora più forte.

Non esiste festa in Vallesina, soprattutto se celebra la nostra tradizione, senza una parte enogastronomica di rilievo. Cosa possiamo trovare in cucina di tipico?

MB: Questo anno abbiamo rafforzato la cucina triplicando le forze in campo e nel servizio perché mangiare insieme significa socialità e fare comunità e aggregazione. Ogni sera un menù speciale e poi una parte fissa arricchita molto rispetto agli anni precedenti.

Tutti al Prado vi aspetta nel piazzale della chiesa di San Sebastiano a Jesi, al lato del campetto dell’Aurora Calcio, dal 21 al 25 agosto. Per saperne di più, potete seguire la pagina appositamente creata TUTTI AL PRADO.

Username, la rubrica di tecnologia e comunicazione, a cura di

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*