Tutti in bici e nuove «Zone 30»: ecco le iniziative per la mobilità sostenibile a Jesi | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Tutti in bici e nuove «Zone 30»: ecco le iniziative per la mobilità sostenibile a Jesi

JESI- Una nuova e rigenerata coscienza degli spazi pubblici e della mobilità sostenibile: questo l’auspicio portato avanti attraverso il progetto «Tutti in bici», presentato oggi in Comune.

«Dopo questo periodo di lockdown, le persone hanno capito l’importanza di recuperare e migliorare gli spazi pubblici- spiega l’assessore all’Ambiente Cinzia Napolitano – quindi in questa visione, oltre ai progetti già avviati in passato, si stanno delineando ulteriori nuovi provvedimenti a favore della mobilità sostenibile. Abbiamo preso, se possibile, scelte ancora più coraggiose. I tempi sono maturi, anche perché stiamo assistendo in questo periodo ad un incremento dei ciclisti urbani, che scelgono di muoversi in bici anziché con la macchina, per muoversi all’interno della città».

Elemento della campagna in atto sono i manifesti, tappezzati in formato 6×3 in punti strategici della città, e che fanno focus sui benefici di scegliere una mobilità a misura di tutti. Le affissioni, fortemente volute e proposte dalla Fondazione Michele Scarponi, sono stati realizzati dalla Consulta della Bicicletta di Bologna.

«La mobilità non si cambia fornendo la bici a tutti- spiega Marco Scarponi, presidente della Fondazione Michele Scarponi- ma lavorando sui lavori importanti, sulla mentalità che genera poi comportamenti virtuosi. Jesi ha questo strato su cui lavorare, per diventare una città sempre più amica dell’uomo: per farlo vanno cambiati dei comportamenti, i quali vengono assunti anche nelle grandi metropoli come Madrid o Berlino. Qui in Italia la cultura dell’automobile è molto forte: l’automobile che corre veloce è uno status symbol a cui difficilmente si rinuncia».

Il riferimento ai comportamenti virtuosi si rifà al progetto, spiegato anche grazie al supporto dell’ architetto Massimiliano Pecci, di istituire delle Zone 30 a Jesi: le Zone 30 altro non sono che spazi in cui la velocità massima consentita per i mezzi è, appunto, di 30 Km/h, in modo tale da consentire non solo una sicurezza in termini di diminuzione di incidenti stradali, ma anche una maggiore salubrità dell’aria, in quanto ci sarebbero meno emissioni, giudicate inquinanti.

foto 3

Una mobilità sicura, più fluida perché in tal modo si eviterebbero gli ingorghi dovuti al traffico di mezzi, con un recupero della qualità dell’ambiente: questi concetti sono tutti riassunti nella cartellonistica che si trova affissa in punti trafficati come Arco Clementino, Palazzetto dello Sport “E. Triccoli”, Viale Verdi etc. etc.

Tra le altre iniziative, il Comune di Jesi ha inoltre redatto un questionario insieme a Conero Bus per il trasporto pubblico, compilabile accedendo al link: https://www.surveymonkey.com/r/NGKW78F

Il 7 Luglio verrà inoltre presentata, alla Seconda Circoscrizione di Via San Francesco, l’istituzione di nuovi sensi unici, che interesseranno principalmente la zona Largo Europa.

A cura di Giovanna Borrelli

2 Commenti su Tutti in bici e nuove «Zone 30»: ecco le iniziative per la mobilità sostenibile a Jesi

  1. Mi sento di dare un consiglio,sono tutte belle le iniziative a favorire la mobilità ciclabile ma signori miei prima bisogna mantenere quello che si ha,la nostra ciclabile finisce nel nulla eppure i finanziamenti ci sono stati e dove la ciclabile c’è l’erba è incolta .Si è parlato tanto della ciclovia dell’Adriatico di cui anche il nostro territorio fa parte ma quando dei cicloturisti arrivano a Jesi da Chiaravalle si perdono nel nulla perché non c’è segnaletica mentre nei comuni limitrofi si sono già organizzati,Allora prima di mettere in atto altre iniziative per la nostra città prima bisognerebbe mantenere quelle che ci sono e soprattutto fare manutenzione e cosa più importante per gli addetti ingegneri della viabilità consiglierei di farsi un tour nelle città del nord Europa per conoscere come fare le piste ciclabili,sicuramente non sopra ai marciapiedi come da noi,ma come si dice” la testa non è un braccio”e fare manifesti e presentazioni per pubblicizzarsi non serve.Sempre grande l’impegno di Marco Scarponi che conosco e ammiro per quello che fa ma per Jesi ci vuole altro “cambiare le teste”.

  2. Personalmente ho paura a girare in bici su “piste ciclabili” semplicemente disegnate a terra, senza nessuna protezione, soprattutto nelle strade più trafficate, tipo Gallodoro. Bisogna passare dalla teoria alla pratica.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.