Tutti in crescita i numeri della solidarietà | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Tutti in crescita i numeri della solidarietà


JESI – La solidarietà a Jesi e in Vallesina ha numeri concreti che confermano non solo l’attenzione delle amministrazioni locali verso i soggetti più deboli della società, ma anche l’efficienza e l’efficacia dell’azione dell’Azienda Servizi alla Persona, il braccio operativo che i Comuni del territorio hanno individuato per la gestione del welfare.

Numeri in crescita, sia per le risorse assegnate che per gli utenti beneficiari, con l’obiettivo di far fronte a quell’ampia fascia di disagio determinata da marginalità sociale ed economica.

In particolare è stato di oltre 230 mila euro l’impegno di spesa certificato nel corso del 2015, con i voucher lavoro che hanno rappresentano lo strumento più diffuso, avendo permesso di erogare contributi assistenziali diretti pari a €. 92.572, indirizzati a 116 persone o nuclei familiari. La scelta di avvalersi di questa opportunità in grado di permettere, a chi beneficia di un contributo, di svolgere piccoli lavori, non solo è risultata preziosa per Comuni e scuole, ma è stata apprezzata anche dai diretti interessati sotto il profilo della gratificazione personale, permettendo loro di sentirsi utili ed integrati nella comunità in cui vivono.

I contributi erogati per il pagamento di canoni di locazione alle famiglie in difficoltà – ben 52 – sono stati pari ad oltre 16 mila euro. Quelli invece personalizzati, concessi mediante assegni monetari, assommano a 68 mila euro ed hanno interessato 146 persone o nuclei familiari. Sono stati poi erogati ulteriori contributi economici a persone con particolari situazioni di disagio e in base a progetti specifici (circa 10 nuclei familiari) per un totale di 23 mila euro. Assegnati infine 149 contributi indiretti – pari a 34 mila euro – per l’esonero dal pagamento dei servizi di mensa e trasporto scolastico ad utenti con un reddito Isee inferiore ai 2 mila euro. L’Azienda Servizi alla Persona ha inoltre erogato pacchi alimentari alle famiglie più svantaggiate.

Relativamente agli altri servizi, da segnalare che gli utenti del Centro per l’integrazione sociale, con uffici all’ex Appannaggio, sono stati 365 di cui 302 cittadini di paesi terzi, 15 cittadini comunitari e 48 italiani. Il Centro di accoglienza per persone senza fissa dimora, invece,  aperto a gennaio nell’ex scuola del Cascamificio, opera sempre a pieno utilizzo e proprio da questo mese stanno partendo dei progetti per il recupero e l’avviamento ad esperienze di inserimento lavorativo di alcuni dei suoi ospiti (attraverso un  apposito progetto finanziato dal Ministero dell’Interno).

Rispetto all’anno 2014 si è constatato complessivamente un aumento della richiesta di aiuto rivolta al servizio sociale alla quale si è data una risposta comunque anche in presenza di risorse economiche stabili. Le domande di aiuto in questo inizio di 2016 sono ugualmente aumentate rispetto agli anni precedenti e l’Azienda fa fatica a far fronte a tutte le richieste.

“Stiamo cercando di fare il meglio – spiega il presidente dell’Asp, Sergio Mosconi –  ma il disagio e la povertà stanno aumentando in maniera preoccupante. Occorre dare risorse ai territori per gestire servizi che oggi come oggi definiscono l’identità delle comunità. Se non scatta il servizio sociale chi è in difficoltà non ha niente dietro di sé. Dobbiamo evitare che ciò avvenga con tutti i mezzi possibili e con la massima integrazione e omogeneità possibile”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.