Tutto esaurito al Pergolesi per JesiGeniale, viaggio nella storia della città | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Tutto esaurito al Pergolesi per JesiGeniale, viaggio nella storia della città

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il passato è il nostro presente. Si è chiuso con questo messaggio, rivolto alle nuove generazioni, JesiGèniale, il documentario dedicato a Geniale Olivieri, cittadino benemerito, classe ’27, che ha dedicato la sua intera vita alla città di Jesi. Gremito il Teatro Pergolesi, tantoché alcuni se ne sono dovuti andare prima ancora che iniziasse la proiezione per mancanza di posti.

In prima fila, seduto accanto agli autori Carla Saveri e Maurizio Paradisi del Circolo cittadino, c’era anche lui, Geniale: la sua passione per le radici mista al desiderio di scrivere un video diario della città ha dato la spinta per la creazione della sua Cineteca, una raccolta di documenti filmati sulle vicende Jesine, oggi vincolata dalla Sopraintendenza e Patrimoni Archivistici delle Marche. Un racconto lungo un secolo: gli ultimi quarantacinque anni documentati da Olivieri “in diretta”, con la fida cinepresa, cronaca dopo cronaca; i precedenti talvolta con recupero di spezzoni di documentari d’epoca ma perlopiù ricostruiti “per immagini” , sulla base di documenti certi, anche rari e inediti.

Complessivamente più di cinquanta pellicole, tutte con sonoro e quasi tutte con commento di Giuseppe Luconi.

Dal 1910, una carrellata di ricordi fatta di video, immagini e testimonianze tratti dalla cineteca di Geniale Olivieri che raccontano il passato della città e dei suoi abitanti, assieme ai personaggi illustri che ne hanno fatto la storia. I fatti avvengono e si ripetono, racconta Geniale. E così come oggi si discute sulla statua di Federico II, se spostarla, dove e come, cento anni fa si discuteva del monumento a Pergolesi: comitati di cittadini chiedevano a gran voce di posizionarla in uno spazio più ampio e aperto. Alcuni addirittura proponevano di ricavare spazio abbattendo la Chiesa di San Nicolò. Tuttavia, lo spostamento era un’operazione troppo costosa e così venne lasciata lì dove si trova.

Curioso che il monumento sarà spostato proprio dalla Giunta Bacci, in occasione del rifacimento di piazza Pergolesi. Ad annunciarlo, il sindaco stesso a seguito della proiezione, nel momento di discussione coordinato da Giovanni Filosa cui hanno preso parte anche gli assessori Luca Butini e Ugo Coltorti. Un curioso epilogo, in un viaggio scandito di ricordi, usanze, manifestazione di festa e di protesta, personaggi politici del passato, da Nenni a Moro fino al principe Carlo, che hanno calcato le nostre stesse strade e piazze, volti del passato affacciati a quelle finestre del vivere quotidiano, negozi e vetrine di un tempo di cui oggi non resta nulla o una vana traccia, spazzati via dalla modernità del presente o trasformati in luoghi abbandonati. Un sovrapporsi tra passato e presente, in una città che abbiamo ereditato dai nostri avi, che esisteva dapprima, con una sua anima propria, a prescindere da chi e dove siamo noi adesso, anche se troppo spesso ce ne dimentichiamo.

 

 

Chiara Cascio

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.