Tutto pronto per il Festival Pergolesi Spontini al via con “Aucassin et Nicolette”

JESI – Sarà la prima mondiale della versione italiana di “Aucassin e Nicolette” di Mario Castelnuovo-Tedesco ad inaugurare domani alle ore 21 al Teatro Pergolesi di Jesi il XIX Festival Pergolesi Spontini, rassegna internazionale a cura della Fondazione Pergolesi Spontini che prosegue fino 29 settembre sul tema “Futuro. Infinito”.

“Aucassin et Nicolette” (1938) di Mario Castelnuovo Tedesco (Firenze 1895- Beverly Hills 1968) è una «cantafavola del XII secolo per una voce, qualche strumento e qualche marionetta», con la direzione di Flavio Emilio Scogna sul podio del Time Machine Ensemble, regia di Paul-Émile Fourny, le scene di Benito Leonori, light designer Ludovico Gobbi, le voci dei soprani Chiara Ersilia Trapani e Evgenia Chislova e del mezzosoprano Martina Rinaldi. L’opera in coproduzione con Opéra-Théâtre de Metz Métropole, dove andrà in scena nel 2021. Scritta nel 1938, pochi mesi prima della sua partenza per gli Stati Uniti, a seguito delle leggi razziali, l’opera fu messa in scena, nella versione originale in francese, per la prima volta solamente nel 1952 al teatro del Maggio Fiorentino. Oggi il Festival Pergolesi Spontini, diretto da Cristian Carrara, contribuisce alla riscoperta di un capolavoro destinato a tutti, grandi e piccoli, producendo un nuovo fiabesco allestimento.

 Ospite d’onore della serata sarà la nipote del compositore, Diana Castelnuovo-Tedesco.

 «È una storia musicale romantica a lieto fine – spiega il regista Paul-Émile Fourny – In scena, sarà un allestimento molto particolare, con la presenza di due bimbe, Caterina e Benedetta, attrici attorno ai musicisti che non saranno in buca ma in palcoscenico. Sarà teatro di ombre, con veli, trasparenze e videoproiezioni».

Il Festival prosegue poi prosegue domenica 1 settembre con un doppio evento, sempre a Jesi. Dalle ore 17 alle ore 20 ai Musei Civici di Palazzo Pianetti l’appuntamento è con “Pianetti experience”, un suggestivo percorso musicale dal ‘500 all’800, un’esperienza immersiva tra musica dal vivo, light design e opere d’arte, con i solisti della Scuola Musicale G.B. Pergolesi di Jesi, light design a cura degli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Macerata. Il concerto è in collaborazione con Consorzio Marche Spettacolo e MAB Marche – Musei, Archivi e Biblioteche con il contributo di Fondazione Cariverona Bando “Cultura 2019”.

Alle ore 21 al Teatro Pergolesi, l’affiatato duo Francesca Dego al violino e Francesca Leonardi al pianoforte  – tra le migliori interpreti della loro generazione – si esibisce in un programma dedicato al repertorio del ‘900, un omaggio alla cosiddetta “generazione dell’ottanta” che in Italia fu individuata in quei compositori nati appunto intorno agli anni Ottanta dell’Ottocento e considerati artefici di un rinnovamento profondo della musica italiana all’inizio del Novecento. Il concerto propone la Ballade per violino e pianoforte di Castelnuovo-Tedesco, la Sonata in si minore di Respighi e la Suite Italienne di Stravinsky.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*