Ubaldi, l’ultimo saluto della città: «Continua a scattare anche da lassù…»

JESI – Anche oggi è un giorno triste per la città di Jesi: dopo la recente scomparsa di Bardi, il mondo del commercio è di nuovo in lutto.

Se ne è andato anche Ubaldo Ubaldi, storico fotografo jesino, morto domenica 4 marzo all’età di 72 anni. Professionista ed artista della fotografia, ad Ubaldi sono attribuiti bellissimi scatti capaci di valorizzare le bellezze della città. Tantoché nel 2004 pubblicò una raccolta di immagini, edita da Italia Nostra: “Jesi nelle foto di Ubaldo Ubaldi”.

Una carriera lunga cinquant’anni e un obbiettivo capace di cogliere le meraviglie dell’attimo che fugace passa. Un istante immortalato in uno scatto, destinato a rimanere eterno. E il talento e l’amore della città espressi da Ubaldi resteranno impressi nella memoria storica della città, vivo nel ricordo della moglie Alberta e nell’arte dei figli Luca e Lucia che ora gestiscono lo storico negozio di via Gramsci.

In tantissimi questa mattina hanno voluto porgere l’ultimo saluto a Ubaldi nella celebrazione del rito funebre presso la Chiesa di San Pietro Martire: a stingersi intorno al dolore dei familiari erano presenti amici, affezionati clienti, collaboratori e colleghi del fotografo jesino, volti della politica locale e commercianti.

«Un grande professionista. Una vera istituzione jesina – è il ricordo della giornalista Catiuscia Ceccarelli –  Ci siamo incontrati in tanti matrimoni, quando cantavo, e in tanti eventi in Piazza a Jesi in veste di presentatrice. E’ stato un onore aver lavorato artisticamente con lui e con la sua famiglia».

Toccanti anche le parole di un’altra nota penna jesina, quella di Giovanni Filosa:  «Se n’è andato, in perfetto silenzio come il suo carattere schivo di base poteva far sembrare, Ubaldo Ubaldi. Il fotografo, per antonomasia – scrive sulla sua bacheca social – e non solo il fotografo, ma l’amico che un giorno, una vita fa, incontrai, ed insieme a me tanti giovani che avevano la macchinetta in mano e cercavano confronti e suggerimenti, in un piccolo negozio in piazza della Repubblica, centralissimo. Il suo primo studio vero e proprio. Giovane come lo eravamo noi, non dispensava solo consigli ma ci faceva capire che veramente la fotografia è semplice se hai qualcosa da dire. Come la pensava Giacomelli, stessa terra, stessa cultura. Arrivava da Ostra e dintorni ma aveva le mani, gli occhi, il cuore e la mente che, insieme, combinavano una foto » E conclude: « Un altro pezzo di storia, pardon, di cultura che se ne va ».

Ci piace ricordarlo con la macchinetta fotografica in mano pronto ad immortalare gli attimi più belli di una cerimonia, di un’esperienza, di una vita. Come ha detto Padre Giansante questa mattina: «Mi raccomando fai le foto anche da lassù… ».

Addio Ubaldo.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*