UBI Banca, domani i vertici in città. Animali: "Sarà l'incontro con i nuovi padroni" | | Password Magazine

UBI Banca, domani i vertici in città. Animali: “Sarà l’incontro con i nuovi padroni”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  I vertici del Gruppo UBI Banca stanno incontrando in questi giorni gli azionisti, i clienti e gli interlocutori istituzionali nel corso di una serie di incontri – cinque in tutto –  organizzati sul territorio nazionale dalla Banca tra il 3 e il 13 aprile. Domani l’iniziativa si chiuderà a Jesi con l’ultimo tappa del tour. Questo ciclo di appuntamenti è sentita dalla Banca come occasione per celebrare i dieci anni di Ubi  anche con una visione attuali e prospettiche alle sfide che interessano il Gruppo.

Sull’incontro di domani, Jesi in Comune invia le proprie riflessioni: “Il 13 aprile è una data molto importante per la città di Jesi. Giovedì prossimo infatti, il dottor Victor Massiah prenderà la parola nella sala intitolata al padre dell’attuale sindaco per raccontarci una storia. Chi non lo conosce ancora dovrebbe informarsi in fretta: Victor Massiah, come amministratore delegato di UBI Banca, è il nuovo padrone della città. A differenza dei vecchi padroni, forse, se ne andrebbe volentieri senza perdere altro tempo. Senonché ha nelle sue mani il destino di un certo numero di famiglie jesine, e forse anche il destino della città stessa.

Probabilmente verrà a raccontarci come vede il futuro della città. Che fine faranno gli impiegati. Che cosa pensa di fare con gli imprenditori che si troveranno affidati con un’unica grande banca con sede a Bergamo invece che con le due tanto decantate banche del territorio. “Con l’occasione – aggiunge il candidato sindaco Samuele Animali – chiederei anche agli imprenditori locali e notabili di varia estrazione come la vedono loro, come pensano che andrà finire di qui a qualche anno, forse addirittura di qui a sei mesi. Perché in ballo non c’è la sorte dei dipendenti, ma anche quella delle aziende che hanno bisogno di liquidità come dell’aria che respiriamo.

E poi chiederei perché nessuno ne parla pubblicamente, sembrano tutti voltati indietro a bocca aperta. Forse perché preferiamo la morte lenta al grande botto”. In questi ultimi anni il segno più rilevante di una qualche reazione al declino inesorabile è stato la moltiplicazione delle feste di piazza e qualche operazione di lifting di varia natura, intanto che, per avvantaggiarsi, si mettevano in cassa integrazione gli operatori sociali. Continua Animali: “sono rimasto basito a leggere quello che doveva essere il “piano B”, cioè Jesi in progress, non potevo crederci. Lì ho visto veramente rappresentata l’ultima fermata, la fine del viaggio. Perché non solo in questi anni non s’è fatto nulla, se non guardare indietro per trovare qualcuno a cui dare la colpa del casino che si è combinato. Ma anche quelle che dovevano essere le linee per il futuro sono per larga parte dosi massicce di fumo. Per provare a reagire è essenziale percorrere vie alternative e innovative (si vedano i contenuti degli incontri che Jesi in Comune sta proponendo in queste settimane: www.jesiincomune.it ), con il coinvolgimento di una nuova generazione di persone”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.