Ubriaco a colazione disturba alcuni passanti e si avventa contro i poliziotti | | Password Magazine

Ubriaco a colazione disturba alcuni passanti e si avventa contro i poliziotti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
ANCONA – Finisce in manette la bravata mattutina di un giovane extracomunitario che disturbava i passanti nelle vicinanze di un noto bar di C.so Garibaldi.
Erano le 7.15 quando perveniva al 113 la richiesta d’intervento di una Volante da parte di un 60enne anconetano il quale riferiva che, mentre passeggiava con la moglie, era stato avvicinato poco prima da un giovane nord africano palesemente ubriaco che faceva apprezzamenti poco educati sulla donna.
La risposta a tono dei passanti non fermava il giovane il quale continuava negli apprezzamenti tanto da costringere il marito a chiamare il 113.
Poco dopo il giovane extracomunitario entrava in un vicino bar e, uscendovi con una tazza di cappuccino in mano, continuava a pronunciare frasi sgradevoli nei confronti dei passanti e della coppia che aveva incrociato poco prima; alla reazione del malcapitato, il giovane lo colpiva con alcuni schiaffi macchiandogli anche la maglietta di liquido marrone del cappuccino che gli tirava addosso.
Immediatamente giungevano sul posto le Volanti che fermavano il marocchino ed un altro giovane anconetano che era in sua compagnia che però non aveva preso parte all’aggressione.
Nell’occasione il marocchino reagiva nei confronti degli Agenti tentando di colpirli con calci e pugni tanto che i poliziotti erano costretti ad ammanettarlo ed accompagnarlo in Questura.
Anche in Questura il giovane continuava per diverso tempo nel suo atteggiamento aggressivo e minaccioso nei confronti dei poliziotti.
All’interno del suo zaino gli Agenti rinvenivano un attrezzo da giardinaggio che il predetto portava al seguito e che veniva sequestrato.
B.C., marocchino di 27 anni regolarmente residente ad Ancona, veniva arrestato per resistenza e violenza a P.U. e denunciato per rifiuto di generalità e porto ingiustificato di oggetti atti ad offendere.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.