«Ultimo Concerto?» anche al Mamamia: live club uniti per riaccendere la musica | Password Magazine

«Ultimo Concerto?» anche al Mamamia: live club uniti per riaccendere la musica

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Immagine pre-covid

SENIGALLIA- Ci sarà anche il Mamamia di Senigallia fra le oltre 130 discoteche di tutt’Italia che aderiranno a Ultimo Concerto?, evento organizzato per sensibilizzare cittadini ed istituzioni sulla grave crisi che il mondo dello spettacolo sta vivendo.

Risalgono ad una anno fa, infatti, gli ultimi concerti svolti dal vivo e le prime date annullate: la speranza di recuperarli in breve tempo ha lasciato invece gradualmente il posto ad uno stato d’animo di desolazione e amarezza.

I live club denunciano un mancato riconoscimento dei locali in relazione all’effettiva importanza che essi hanno nell’ambito dello spettacolo e del panorama culturale in generale. «Il Mamamia, come anche gli altri live club, porta avanti la bandiera della cultura: un concerto è un evento di grande interesse culturale e i nostri locali sono luoghi proprio come i teatri e i cinema» è il pensiero di Francesco Sabbatini Rossetti, Direttore del Mamamia e socio anche del Noir di Jesi e del Miami di Monsano.

Sabato alle 21 quindi con un grande evento in streaming gratuito organizzato da KeepOn live, Arci e Assomusica, i Club riapriranno “metaforicamente” i battenti e torneranno a suonare sul palco molti artisti del panorama musicale italiano contemporaneo, tra cui anche Manuel Agnelli e i Subsonica.

Al Mamamia toccherà a Mudimbi dare spettacolo, sempre tramite collegamento online

L’obiettivo di questa campagna, partita il 28 gennaio con la pubblicazione da parte dei locali di foto della propria facciata, sovrastata da un punto interrogativo, è quello di attirare l’attenzione su una realtà duramente colpita da questa situazione, che tutt’ora naviga nell’incertezza.

154859975_5593694107314834_4384749955515502262_o

«Siamo stati totalmente dimenticati – spiega il Direttore della discoteca senigalliese – non siamo nemmeno stati inclusi nel Decreto Ristori di Natale per questo ci sentiamo esclusi e stiamo vivendo un periodo assurdo».

Quella di sabato 27 diventa perciò una data importante per rivedere finalmente riaccese le luci sul palco: una serata che però resta con il punto interrogativo su quello che sarà veramente il prossimo concerto.

«Il Mamamia continua a lavorare in vista di una prossima riapertura» assicura Sabbatini Rossetti che non manca di sottolineare anche la funzione sociale svolta dalle discoteche, ricordando quanto le persone abbiano bisogno «di socializzare, di sfogarsi, di divertirsi».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.