Un «brand» per via degli Orefici da trasformare nella «Ponte Vecchio» di Lucagnolo | | Password Magazine
Banner4Baffi

Un «brand» per via degli Orefici da trasformare nella «Ponte Vecchio» di Lucagnolo

JESI – Rilanciare via degli Orefici attraverso un brand capace di valorizzare una tradizione secolare jesina. Una rivisitazione insomma in chiave «Ponte Vecchio» di Lucagnolo che potrebbe coinvolgere botteghe orafe jesine,  associazioni di categoria, scuole e istituzioni creando dei circuiti turistici. Di questo si è parlato mercoledì sera al conviviale organizzato dal Club Novaesis al ristorante La Rusticanella. Invitati ad intervenire sul tema dal presidente Fabio Bertarelli e dal vice Giancarlo Catani, gli orafi jesini Maria Marchegiani, del brand Marchegiani Italian Jewels, e il maestro Gianfranco Catalani, insieme anche a Massimo Ippoliti, docente al Liceo Artistico “Mannucci” dove si insegna Design del gioiello. Invitati ad ascoltare le loro proposte, il sindaco Massimo Bacci e i rappresentanti delle associazioni di categoria jesine Confartigianato, CNA e Confcommercio, rispettivamente Giuseppe Carancini, Luca Baldini e Luca Frezzotti. Un dibattito aperto in cui i due orafi hanno tracciato i contorni della situazione attuale e avanzato proposte di rilancio.

Via degli Orefici
«Jesi ha una tradizione orafa secolare, un tempo la città era nota per la numerosa presenza di botteghe, con le vetrine che brillavano e i maestri che lavoravano nelle botteghe  – spiega la Marchegiani –  Da imprenditrice, nel mio piccolo, faccio già qualcosa. All’interno del negozio, ho creato un piccolo museo del gioiello, ad ingresso gratuito, dove accompagno in visita i turisti. Ma si potrebbe fare molto di più unendo le forze».
Le proposte della Marchegiani comprendono l’ideazione di un marchio «via degli Orefici» che tutte le botteghe orafe jesine potrebbero poi utilizzare per le loro creazioni e l’affissione di una targa espositiva all’inizio della via al posto della trascurata scritta «via delle Botteghe». Interessante ma più oneroso in termini economici il progetto  di «allestire un Museo permanente, magari proprio negli spazi del Chiostro San Agostino dove un tempo si lavorava e ricreare l’emozione di quelle stanze, mettendo gli attrezzi che si usavano, quadri espositivi di documenti reali, gioielli originali del tempo ritrovati da collezioni private». Il maestro orafo Gianfranco Catalani ha poi messo l’accento sull’importanza di «insegnare il mestiere ai giovani» invitando le botteghe – 15 quelle presenti in città – ad aprirsi, ad uscire dall’«ermetismo» e di fare rete con le scuole e le istituzioni. Idee appoggiate anche da Massimo Ippoliti, che ha parlato di «riproporre un banco orafo con i ferri del mestiere e di portare avanti la tradizione» e condivise dalle associazioni di categoria per dare slancio all’offerta turistica attraverso percorsi sostenibili; per il sindaco Bacci il Comune può diventare «facilitatore» di tali iniziative, materia anche di «competenza regionale».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.