Un brindisi a Jesi con i bicchieri riciclabili e riutilizzabili di 'Jesi Città da vivere' | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Un brindisi a Jesi con i bicchieri riciclabili e riutilizzabili di ‘Jesi Città da vivere’

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Da sinistra, Matteo Giantomassi, ATA Rifiuti; Marco Tombini, Jesi città da vivere; Cinzia Napolitano, assessore all'Ambiente.

JESI – “Baciami ma non lasciarmi (in giro)”, presentata la nuova iniziativa del Comune di Jesi, di ATA Rifiuti e dell’associazione dei locali di Jesi “Jesi città da vivere“: bicchieri riutilizzabili al posto dei monouso.

«L’iniziativa è stata progettata per la riduzione dei rifiuti – spiega Cinzia Napolitano, assessore all’Ambiente – questo progetto era nato 3 anni fa, ma il problema è stata la dispersione dei bicchieri, come quelli usa e getta, mentre questa volta è stata aggiunta una cauzione di 1 euro. L’obiettivo è disincentivare l’utilizzo dei prodotti usa e getta a favore di tutto ciò che è riutilizzabile. L’iniziativa si affianca ad altri progetti come ‘Lavabile è sano’ e le casette dell’acqua. Crediamo fermamente che sia la strada da percorrere, investiamo oggi per un guadagno ambientale maggiore per il futuro». L’iniziativa, che fa parte del progetto iniziato qualche anno fa “Bevi a rendere” e segue l’adozione dei brick di tetrapak per l’acqua, prevede l’utilizzo da parte dei locali jesini di bicchieri lavabili di plastica rigida, di cui Premiata Fonderia Creativa ha curato il design, al posto di quelli in plastica monouso utilizzati nelle ore notturne al posto del vetro. Nel momento dell’acquisto della bevanda, i clienti depositeranno 1 euro di cauzione per il bicchiere; potranno poi decidere di restituire il bicchiere e riavere la cauzione oppure di portarlo direttamente a casa.

0A92E183-BACD-4ACC-AE02-155D03C00A8C

Matteo Giantomassi di ATA Rifiuti Ato 2 Ancona afferma: «Il progetto si inserisce nel percorso che portiamo avanti verso la sostenibilità ambientale, prevenendo la produzione di rifiuti e favorendo l’utilizzo di beni riutilizzabili. Questa città è un terreno fertile per l’ATA,  grazie all’Amministrazione Comunale e ad associazioni che investono energie, risorse e innovazione nel territorio. Trovare queste realtà per noi è fondamentale per portare avanti le nostre politiche che sono ambientali ma anche culturali, perché parliamo di cambio di abitudini e di mentalità nei confronti degli oggetti monouso. Ringrazio l’Associazione ‘Jesi città da vivere’ e il Comune per la possibilità di chiudere questo progetto, e la Premiata Fonderia Creativa che ha portato avanti il progetto grafico».

7F34DF09-5F15-4B3A-BCDA-A567E00F8CCB

I bicchieri potranno essere acquistati utilizzati anche dai locali che non fanno parte di “Jesi città da vivere”, come spiega il Presidente dell’associazione Marco Tombini, che inoltre afferma: «Vogliamo contribuire a rendere Jesi una città sempre più vivibile e interessante nella sua offerta socio-culturale e sempre più attraente per il pubblico. L’obiettivo è quello di creare una forte armonia tra territorio, i turisti e l’offerta degli operatori economici. Il progetto grafico ha colpito tutti, richiama ad un approccio al bicchiere come un bacio e c’è anche un concetto di non-genere». Riguardo alla grafica Cristian Brunori di Premiata Fonderia Creativa fa sapere: «Abbiamo cercato di veicolare al meglio il messaggio proposto e di rendere il bicchiere attraente». L’assessore al Turismo, Ugo Coltorti, riguardo all’iniziativa spiega: «La sinergia tra soggetti privati e pubblici, al centro dei due progetti  offre ai cittadini e ai turisti un modo nuovo di vivere Jesi: da un lato, i comportamenti virtuosi che rendono la nostra città più bella, pulita ed accogliente, dall’altro la promozione di un patrimonio storico e architettonico ricchissimo, da tutelare e far conoscere».

 

A cura di Chiara Petrucci

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.