Astralmusic

Un Falco Pecchiaiolo compare e vola in formazione con i rapaci di Federico II

JESI – Momento di grande emozione per i Falconieri di Federico II in un’area di campagna appena fuori Jesi, zona Gangalia, durante un volo libero dei loro rapaci. Con grande stupore, ad una coppia di Poiane di Harris rilasciate per delle prove, si è affiancato volando con loro, un particolare esemplare di rapace, un Falco Pecchiaiolo.

Dopo la presenza dei Pellegrini in piazza Federico II, altro momento emozionate e una piacevole scoperta per i falconieri di Jesi. Contrariamente a quello che potrebbe capitare quando Falchi in libertà incontrano altri rapaci addestrati, non c’è stata nessuna lotta ma una danza in volo che paradossalmente potrebbe ricordare aerei militari che volano in formazione. Il Pecchiaiolo poi è un falco che, pur non essendo in pericolo estinzione a livello mondiale, è considerato “vulnerabile” in Italia a causa di un tipo di caccia tradizionale sullo stretto di Messina (dove se ne trovavano molti durante la migrazione). Fortunatamente tale tradizione è stata interrotta ad inizio degli anni ’70 pur continuando in forma ridotta a livello di bracconaggio.

Questo rapace, la cui apertura alare più sfiorare il metro e mezzo, ha una dieta particolare in quanto si nutre quasi esclusivamente di larve di vespe e calabroni, miele e cera. Non disdegna altri insetti come, se costretto, può cibarsi di piccoli mammiferi, rane, serpenti o, occasionalmente, di frutta.

Continuano le scoperte emozionanti per i Falconieri di Federico II come diversi esemplari di rapaci vengono costantemente segnalati in città, a partire da una nutrita schiera di Barbagianni nella zona nord di Jesi. Una natura sorprendente quella della Vallesina, esaltata anche in QUESTO ARTICOLO

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*