«Un messaggio anti-violenza per le donne sullo scontrino» | Password Magazine

«Un messaggio anti-violenza per le donne sullo scontrino»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

PIANELLO VALLESINA – Un messaggio sullo scontrino per sostenere le Donne contro i maltrattamenti. L’iniziativa è di Katia Sdrubolini, imprenditrice e titolare della Lavanderia Bolle di Sapone di Pianello Vallesina, con sede anche ad Ancona.

«In questi giorni girano sui social video che mostrano gesti da fare con la mano in caso di pericolo, in modo da invitare chi li vede a chiamare aiuto – spiega la Sdrubolini -. Mi sono informata. Ho letto che quello non è il modo corretto, il segnale internazionale per avvisare che si è in una situazione di violenza domestica non è protocollo approvato o diffuso dai centri antiviolenza italiani (CAV). Al momento, gli unici modi per chiedere aiuto sono: chiamare il 1522 o rivolgersi ai CAV, nel rispetto del principio di autonomia, nel percorso di fuoriuscita dalla violenza. Ecco perché ho aggiornato il mio scontrino con la scritta: Se sei una donna vittima di violenza chiama il numero 1522».

«Purtroppo – prosegue Katia – nell’ultimo anno, la pandemia ha costretto moltissime donne a rinunciare al lavoro per accudire i figli o i familiari, oppure a lavorare in smart working chiuse in casa. Questo ha portato a una crescita degli episodi di violenza». Un piccolo gesto per la lotta contro la violenza sulle donne da Katia Sdrubolini che è anche presidente Confartigianato Donne Impresa: «L’anno della pandemia mi ha portato a riflettere su molti aspetti, anche sul mio modo di lavorare che è dovuto cambiare, per forza di cose – spiega -. La qualità è sempre al primo posto, lungimiranza e tenacia mi hanno aiutato a rimanere a galla». Lo spirito di innovazione dell’imprenditrice non mancava già da prima del covid: «E’ dimostrato da due laboratori analisi veneti che il lavaggio a secco sanifica. Abbiamo inoltre il lavaggio ad acqua con presidio medico chirurgico certificato e nel 2015 ho acquistato due apparecchiature per la sanificazione ad ozono. I miei clienti possono star tranquilli. Sono molto attiva e credo molto nel mio lavoro che svolgo insieme a mio marito Luca. Lui si occupa della seconda lavanderia che abbiamo rilevato in Ancona il 7 gennaio 2020, quest’anno abbiamo anche attivato l’e-commerce per il servizio di lavanderia online. Sperando che questo periodo difficile e i contagi diminuiscano, per una ripresa in tutti i settori»

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.