Un panetto di eroina sotto lo sterzo dell'auto, due arresti | Password Magazine

Un panetto di eroina sotto lo sterzo dell’auto, due arresti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Nascondevano eroina nella scatola dello sterzo dell’auto, arrestati due pusher.

Si tratta di due cittadini di origine pakistana, di 35 e di 22 anni, accusati di detenzione ai fini di spaccio commesso in concorso.

Un arresto avvenuto nell’ambito dei servizi predisposti con ordinanza dal Questore di Ancona, in occasione delle festività pasquali e finalizzati al rispetto delle disposizioni di contenimento connesse all’emergenza sanitaria in atto, nonché a contrastare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, svolti congiuntamente dalle diverse articolazioni della Questura, il personale della Squadra Mobile, del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Senigallia e delle Volanti.

I due soggetti sono stati notati a bordo di un veicolo con targa italiana, mentre facevano ingresso in città dorica. Nella circostanza i poliziotti intimavano l’alt al mezzo, procedendo al suo controllo, durante le fasi del quale, i due cittadini stranieri si manifestavano subito insofferenti all’attività di polizia, mostrando un evidente stato di agitazione. Lo scrupoloso controllo degli agenti delle tre articolazioni della Questura dorica ha permesso di individuare una circostanza singolare, ovvero che da sotto la “scatola dello sterzo” della vettura su cui viaggiavano gli stranieri, fuoriuscivano dei pezzi di stoffa. L’insolito particolare, incuriosendo gli agenti operanti, ha indotto gli stessi, a quel punto, a procedere con una perquisizione  finalizzata ad individuare l’eventuale presenza di droga. L’attività di polizia giudiziaria dava esito positivo, poiché tra il vano porta fusibili e la parte sottostante il volante, è stato rinvenuto un involucro, avvolto nel nastro adesivo da pacchi, contente sostanza stupefacente del tipo EROINA per un peso pari a un etto e dieci grammi I cittadini stranieri, dopo le formalità di rito, sono stati associati presso la locale Casa Circondariale di Montacuto, a disposizione dell’Autorità giudiziaria procedente, in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.