Un piano provinciale per contrastare il freddo in situazioni di povertà estrema

JESI- Presentato oggi, al Salone delle Riunioni della Sede dei Servizi Sociali – ASP Ambito 9, il primo Piano Provinciale per contrastare l’emergenza freddo in situazioni di povertà estrema.

Coordinatori degli Ambiti Territoriali Sociali della Provincia ed Enti del Terzo Settore, che operano per l’accoglienza di persone senza dimora, hanno convocato oggi un tavolo di lavoro per descrivere un’operatività di reti, attiva già dai primi di Novembre.

Il tavolo di lavoro comprende ASP Ambito 9 Jesi, ATS 8– Unione dei Comuni delle «Terre della Marca Senone», ATS 10 – Unione Montana Esino Frasassi, ATS 11– Comune di Ancona, ATS 12– Comune di Falconara, ATS 13– Comune di Osimo, Un tetto per tutti– Polo 9 di Ancona, Casa delle Genti, Fondazione Centro Servizi Caritas Jesina “P. Oscar”, Tenda di Abramo ODV– Falconara, Unità di Strada “Ribò” – Falconara, Centro Solidarietà Caritas “Don Luigi Palazzolo” – Senigallia, Centro Accoglienza San Benedetto, San Vincenzo De Paoli– Fabriano.

A differenza degli scorsi anni, in cui le varie associazioni di referenza hanno operato individualmente, il Piano Provinciale risulta essere il primo ad essere stato sviluppato per coordinare i vari attori coinvolti, con ASP di Jesi come capofila e coordinatrice.

«Il progetto- spiega Martina Coppari, Vice Presidente dell’ASP Ambito 9- sistema e coordina i servizi per contrastare questa emergenza. Il periodo invernale rappresenta un arco di tempo particolari, che richiede risposte tempestive, per cui occorrono interventi sistematici e strutturati per mettere a sistema queste forme di intervento. Viene potenziato ciò che è già esistente»

«Tutti i sei ambiti sociali della Provincia (Ancona, Falconara, Osimo, Senigallia, Fabriano e Jesi) – aggiunge Franco Pesaresi, Coordinatore ATS 9 dell’ASP Ambito 9 – hanno deciso di collaborare insieme in soccorso delle persone senza dimora, affinché non affrontino rischi estremi, specie in questo periodo dell’anno in cui la notte si raggiungono basse temperature. Le due azioni principali programmate sono quelle di potenziamento delle strutture e di coordinamento delle stesse. In questo modo il sistema di accoglienza sarà più facile da gestire, e garantirà anche più sicurezza».

La difficoltà emersa è quella di trovarsi di fronte ad una stima non definita che hanno urgenza di un tetto sopra la testa e di un pasto caldo per affrontare le giornate: l’ultimo censimento ISTAT, dato all’anno 2014, ha registra la presenza di almeno 50.724 persone senza fissa dimora, di cui l’85,7% sono uomini, il 58,2% sono stranieri, e il 76,5% sono soli.

Una stima non esatta, probabilmente destinata a crescere: da qui si è fatta chiara l’esigenza, per i vari Enti, di comunicare e lavorare in maniera coordinata e collaborativa, innanzitutto per censire i posti disponibili nel territorio, e garantire dunque posti e assistenzialismo per tutti.

A potenziamento delle varie strutture, verranno attivati 50 nuovi posti di accoglienza, oltre ai già esistenti 73, per un totale di 133 posti garantiti, ed un aumento del 68%. Questo permette di garantire 1 posto ogni 3.800 abitanti: un dato notevole, se si pensa che a Roma, che conta 2.800.000 abitanti, sono 450 i posti garantiti.
Grazie ad un incredibile lavoro degli operatori e dei volontari, è possibile inoltre un ampliamento degli orari delle varie strutture presenti sul territorio.
Viene da se’ che l’emergenza freddo rimane sempre un’incognita, sia a livello di tempo che di capitale investito: gli enti coinvolti hanno all’unanimità affermato la necessità di continuità di questo piano anche negli anni avvenire.  «La rete è un’attività essenziale, la solidarietà del gruppo provinciale restituisce poi le risorse messe in gioco. Solo alla fine dell’inverno riusciremo a capire quanto capitale, economico e di personale, è stato investito» conclude Franco Pesaresi.

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.