Un Piccolo Principe proprio speciale

la dott.ssa Silvia Piangerelli

“Non si vede bene che con il cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi.”

Antoine de Saint-Exupéry

In questo numero della mia rubrica voglio proporre un libro che ho amato da bambina e  che amo ancora oggi, con lo stesso ardore e con la stessa intensità: “Il Piccolo Principe” di Antoine de Saint-Exupéry. Ricordo ancora vivamente quando mia nonna me lo regalò, il giorno del mio compleanno. Con entusiasmo lo scartai e iniziai a sfogliarlo piena di curiosità. Alla sera, nascosta sotto le coperte del mio lettino, conobbi il Piccolo Principe, che mi tese la mano e mi fece viaggiare insieme a lui sul suo sgangherato aereo, alla scoperta di pianeti sperduti nella galassia, abitati da bizzarri personaggi. “Il Piccolo Principe” è un’opera letteraria per ragazzi, ma in realtà può essere apprezzata anche da un pubblico adulto, data la profondità dei temi che affronta, come il senso della vita, il significato dell’amore e dell’amicizia, l’importanza del tempo e della felicità. Pubblicata il 6 aprile 1943, è stata tradotta in più di 220 lingue e dialetti, e stampata in oltre 134 milioni di copie in tutto il mondo, divenendo così una delle opere letterarie più vendute e apprezzate della storia. Perché proporre questo libro ai bambini, fin dalla più tenera età? Perché esso è una vera e propria educazione ai sentimenti, a preservare i rapporti di amicizia, coltivandoli e prendendosene cura ogni giorno, proprio come il Piccolo Principe ha fatto con la sua amata rosa e come la volpe ha fatto a sua volta con lui: “Tu fino ad ora, per me, non sei che un ragazzino uguale a centomila ragazzini. E non ho bisogno di te. E neppure tu hai bisogno di me. Io sono solo una volpe uguale a centomila volpi. Ma se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno l’uno dell’altro. Tu sarai per me l’unico al mondo, e io sarò per te unica al mondo. […] Tu non devi dimenticare: non si vede bene che con il cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi”. Tanti sono i contenuti educativi del libro e gli spunti di riflessione che possono essere approfonditi insieme ai bambini affinché essi interiorizzino maggiormente gli straordinari messaggi che Saint-Exupéry ha voluto trasmetterci. Ne elenchiamo di seguito i più importanti:

–       Guardare con il cuore: riuscire ad andare oltre l’apparenza, ricercando le cose essenziali.

–       Comprendere il valore profondo della vita: capire ciò che è realmente importante. Il Piccolo Principe lo apprende conoscendo gli strani personaggi dei pianeti che visita, impegnati a vivere esistenze tristi e insignificanti legate a valori effimeri come la ricchezza, il potere, l’egoismo, la bellezza solo esteriore. Da questi incontri il Piccolo Principe comprende quanto è fortunato e prova una profonda nostalgia per il suo pianeta, dove due minuscoli vulcani e una rosa davano gioia alla sua vita.

–       Scoprire che la conoscenza di persone diverse da noi è un dono prezioso e che può essere una fonte inesauribile di arricchimento.

–       Prendersi cura di chi amiamo dedicando a loro tempo e attenzioni.

Concludo il mio articolo, sperando di farvi cosa gradita riportando uno dei pezzi, a mio parere, più commoventi del libro: “Quando tu guarderai il cielo, la notte, visto che io abiterò in una di esse, visto che io riderò in una di esse, allora sarà per te come se tutte le stelle ridessero. Tu avrai, tu solo, delle stelle che sanno ridere!” E rise ancora. “E quando ti sarai consolato (ci si consola sempre), sarai contento di avermi conosciuto. Sarai sempre il mio amico. Avrai voglia di ridere con me. E aprirai a volte la finestra, così, per il piacere… E i tuoi amici saranno stupiti di vederti ridere guardando il cielo. Allora tu dirai: ‘Sì, le stelle mi fanno sempre ridere!’ e ti crederanno pazzo. “T’avrò fatto un brutto scherzo…” E rise ancora. “Sarà come se t’avessi dato, invece delle stelle, mucchi di sonagli che sanno ridere…”.

Per suggerimenti, domande ed altro potete scrivermi al seguente indirizzo mail: silvia.piangerelli@email.it

 

Silvia Piangerelli è laureata in Lettere e ha conseguito un Master in Editoria con una tesi sulla letteratura per l’infanzia e sull’importanza delle fiabe per lo sviluppo psicologico del bambino. Lavora come redattrice e ideatrice di testi per una casa editrice, per cui scrive articoli, racconti, testi di varia natura destinati ai bambini e alle insegnanti.

Silvia Piangerelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*