Sanremo 2020, il festival suona note marchigiane | | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Sanremo 2020, il festival suona note marchigiane

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MUSICA – Il Festival della Canzone italiana di Sanremo, appena concluso con ascolti record e firmato Amadeus ha avuto una grande percentuale di marchigianità.  Autori, musicisti, direttori d’orchestra e chi più ne ha più ne metta. Talenti e professionisti provenienti dalla nostra regione.

Partiamo con due donne che hanno lasciato il segno sul palco dell’Ariston, anzi sul podio orchestrale. Si tratta di due direttori d’orchestra: Sylvia Catasta, musicista fermana che ha diretto Elodie con il brano “Andromeda” e Beatrice Antolini, cantautrice e polistrumentista maceratese che ha diretto Achille Lauro nel suo brano festivaliero “Me ne frego”.

Sanremo 2020 suona marchigiano
Beatrice Antolini

Due donne giovani, preparate, intraprendenti e divertenti, specialmente dal punto di vista del look.

A proposto del brano proposto dal performer romano, ha fatto discutete la scelta artistica nei look del noto rapper. In realtà, ogni esibizione di Achille Lauro sul palco di Sanremo era un ritratto artistico di grande spessore culturale da vera rock star. Da Il Giotto di San Francesco a Ziggy Stardust, uno dei tanti alter ego di David Bowie, dalla Marchesa Luisa Casati Stampa alla Regina Elisabetta I. Achille Lauro ha dimostrato un grande senso dello show, una grande conoscenza della moda e dell’arte. Chi c’è dietro a tutto questo? Nick Cerioni, lo stylist originario dello jesino che insieme alla maison Gucci e al direttore creativo Alessandro Michele ha sviluppato i look sanremesi del cantante di “Me Ne Frego.

Sanremo 2020 suona marchigiano
Nick Cerioni

Un altro illustre marchigiano è Dario Faini, musicista ascolano, meglio noto come Dardust. Autore di “Andromeda”, brano eseguito da Elodie, di ‘Eden’ di Rancore e ‘Tsunami’ dei torinesi Eugenio in Via di Gioia, tra i concorrenti nelle ‘Nuove proposte”.

Sanremo 2020 suona marchigiano
Dario Faini, in arte Dardust con Elodie e Rancore

Da Morrovalle al Festival di Sanremo, grande soddisfazione per Piero Romitelli. Il cantautore di Trodica di Morrovalle è autore de “Il sole a est”, brano eseguito da Alberto Urso e di “8 marzo” con il quale la giovane e talentuosa Tecla ha raggiunto il secondo posto tra i Giovani. Brani che hanno riscosso tantissimo successo sul palco dell’Ariston durante le cinque serate della kermesse canora.

La classe e la bravura del cantautore urbinate Raphael Gualazzi con la sua “Carioca” e, sempre di Urbino,  Ivan Cottini, Il modello con la sclerosi multipla che ha emozionato l’Ariston danzando con Bianca Berardi, urbinate anche lei.

Un po’ di marchigianità anche nel dietro le quinte di Domenica In, il programma condotto da Mara Venier che, come vuole la tradizione di Rai Uno va in onda dal palco sanremese subito dopo il Festival. Tra gli autori del programma il giornalista e scrittore di Urbania Samuele Sabatini.

A cura di Catiuscia Ceccarelli

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.