Un umanista jesino raffigurato nella "Scuola di Atene" dipinta da Raffaello | Password Magazine
Festival Pergolesi

Un umanista jesino raffigurato nella “Scuola di Atene” dipinta da Raffaello

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Un umanista jesino tra i vari personaggi raffiguranti nel famoso affresco la “Scuola di Atene” di Raffaello.

Situata nella Stanza della Segnatura, una delle quattro “Stanze Vaticane”, poste all’interno dei Palazzi Apostolici, l’opera risale ai primi anni del Cinquecento e rappresenta uno dei capolavori pittorici più rilevanti dello Stato della Città del Vaticano, visitabile all’interno del percorso dei Musei Vaticani.

L’affresco rappresenta i più celebri filosofi, umanisti e matematici dell’antichità intenti nel dialogare tra loro, all’interno di un immaginario edificio classico: da Platone ad Aristotele, da Euclide a Pitagora e molti altri ancora.

L’evocazione degli uomini illustri del passato venne collegata indissolubilmente al presente, dando talvolta agli uomini antichi le fattezze di personaggi contemporanei. Probabilmente nelle figure dell’affresco erano riconoscibili i personaggi della corte pontificia, tra cui umanisti, letterati, principi e artisti.

Esistono tuttavia ancora diversi personaggi di difficile identificazione, nonostante gli sforzi degli studiosi.

Un nuovo studio accreditato sull’affresco ha permesso di individuare tra i vari personaggi rimasti senza un nome il volto di un importante umanista jesino del Cinquecento. La sua identità sarà resa nota dall’assessore alla Cultura Luca Butini in una conferenza stampa fissata per lunedì prossimo.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.