Un volo di Stato per riportare Santiago a casa: l'appello disperato della famiglia | Password Magazine
Festival Pergolesi

«Un volo di Stato per riportare Santiago a casa»: l’appello disperato della famiglia

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI- L’appello disperato del Signor Marcello Loccioni per riportare a casa suo figlio Santiago si fa sempre più forte: con l’aiuto dell’Avvocato Corrado Canafoglia, che ha da poco preso in carico la situazione del 29enne italiano, si stanno battendo per ottenere al più presto un volo di Stato e garantire poi tutte le cure del caso una volta tornato in patria.

Un’ odissea che non trova ancora una fine: dapprima il visto negato ai genitori per la Thailandia a causa dell’emergenza sanitaria da Covid-19, poi la continua richiesta di denaro da parte della struttura ospedaliera per garantire non solo le operazioni necessarie alla sopravvivenza di Santiago, ma anche per ottenere il certificato di idoneità al volo, senza il quale non è possibile tornare in Italia.

santiago

Non solo, è stato negato da parte dell’ambasciata svizzera il visto per l’accompagnatrice di Santiago a Lugano, dove risiede la mamma con il fratello minore.

IMG_7600

La storia di Santiago Loccioni, ricordiamolo, inizia qualche mese fa: come nel racconto del padre Marcello, il figlio, una volta terminati gli studi superiori, ha svolto il lavoro da animatore nei villaggi turistici di tutto il mondo.

E sempre per lavoro Santiago si trovava in Thailandia lo scorso 20 Giugno 2020 quando, durante un’escursione, cade da un ponte, riportando gravissime lesioni agli arti inferiori e al braccio sinistro.

Da quel giorno, per Santiago inizia il calvario: ricoverato in un ospedale a Chiang Mai, a nord della Thailandia, Santiago è trasferito da pochi giorni all’ Ospedale Camilla di Bangkok, dopo 11 ore di trasporto in ambulanza.

Grazie ai numerosi appelli da parte della famiglia e dell’avvocato, Santiago è ora nelle mani di medici che stanno curando piaghe e infezioni non medicate in precedenza.

«Le ore in ambulanza hanno peggiorato la sua situazione clinica, mi chiedo se abbia fatto bene a farlo trasportare fino a Bangkok – dichiara disperato papà Marcello – l’unica soluzione è il volo di stato. Ho provato per mesi a cavarmela da solo ma è una lotta impari, come Davide contro Golia. Poi mi sono imbattuto nell’avvocato Canafoglia, che mi sta aiutando tanto e spero che mio figlio possa tornare presto a casa. Al momento lui non ha intenzione di subire altre operazioni in Thailandia, ha paura».

Bacci+ Marcello Loccioni

Nella triste vicenda della famiglia Loccioni sembra piovere sul bagnato: il signor Marcello, ex dipendente Merloni, è stato licenziato dall’azienda e, a causa dell’emergenza sanitaria, non può svolgere il nuovo lavoro da conducente di scuolabus, si trova pertanto in una situazione economica critica. La mamma di Santiago svolge invece mansioni da addetta alle pulizie.

Tutti i risparmi sono stati esauriti per far monte agli oltre 30.000 € già versati per coprire le spese per l’intervento chirurgico, l’assistenza ospedaliera, il certificato di idoneità al volo e il biglietto aereo con la compagnia Swiss Air.

Santiago ha bisogno di tornare a casa: per questo l’obiettivo dell’Avvocato Canafoglia, già in contatto con l’Unità di Crisi della Farnesina e con il consolato Italiano, e con il sostegno del Tribunale del Malato di Jesi, è quello di trasferire il giovane all’Ospedale Torrette di Ancona, dove riceverà l’assistenza medica e si potrà forse scongiurare il rischio di una paralisi permanente.

I criteri per richiedere un volo di stato ci sono tutti: si può richiedere per la gravità del caso, per la difficoltà del trasporto, e per la condizione economica in cui versa la famiglia.

Il volo di stato richiede però un’equipaggio militare e medico, il cui costo è a carico della famiglia.

Per questo è stata attivata da Diego, il fratello di Santiago, una raccolta fondi intitolata “Aiutiamo Santiago” tramite il sito gofundme.com. Per chiunque volesse sostenere economicamente la causa è possibile fare la propria donazione,o espandere la richiesta tramite social, accedendo al seguente link: https://www.gofundme.com/f/aiutiamo-santiago .

Anche il Comune e il Sindaco di Jesi Massimo Bacci si unisce al supporto della Famiglia Loccioni, sostenendo la raccolta fondi.

Chiamata

Più tempo passa più potrebbe esserci il rischio di danni irreversibili: in una chiamata in diretta con l’avvocato e il padre, Santiago racconta alla stampa di sentirsi «impotente, cerco di essere forte per i miei amici e per la mia famiglia, ma qui sono solo. Il morale è un po’ giù, fisicamente ho sensibilità del mio corpo, ma dal collo in giù non ho autonomia del mio corpo, tramite spasmi elettrici muscolari. La situazione è pesante. Grazie per chi si sta interessando alla mia storia, non potrei chiedere di meglio».

Le giornate per lui passano inesorabili, nella speranza che questo incubo possa finire al più presto.

 

A cura di Giovanna Borrelli

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.