"Una cittadella sanitaria intorno al Carlo Urbani" | Password Magazine

“Una cittadella sanitaria intorno al Carlo Urbani”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Jesi – Quando Osvaldo Pirani presenta la sua idea di una Rsa da realizzare al vecchio Murri, la reazione del presidente della Regione Ceriscioli è entusiasta: “Un’opera necessaria, mettiamoci subito al lavoro per trasformare questa idea in un progetto concreto per il territorio”.

Arriva proprio sul finire del convegno sul welfare al Circolo Cittadino, la chicca di giornata: il candidato del Pd a sindaco di Jesi espone uno dei punti più importanti del suo programma elettorale, quello di una cittadella della salute da far crescere intorno al Carlo Urbani. Un progetto ambizioso, che prevede il mantenimento e il rafforzamento dell’ospedale e un nuovo reparto da 40 posti per i ricoveri post-acuti da ricavare al quarto piano del vecchio Murri. La Rsa, prevista ma mai attivata a Jesi, permetterebbe ai pazienti di non doversi trasferire a Cingoli, Montecarotto o Cupramontana, come purtroppo accade oggi, con le inevitabili ricadute negative anche per i familiari. Servono all’incirca 6 milioni di euro per portare a termine il progetto, circa 2,5 milioni sono già stanziati da tempo, ora serve l’impegno e la forza politica per fare il resto. Ed è intanto molto importante registrare il primo sì convinto della Regione, direttamente dalla bocca del presidente Luca Ceriscioli, che si è detto pronto a portare in giunta quanto prima il progetto.

Era stato proprio l’ex sindaco di Pesaro ad aprire il Convegno sull’integrazione tra pubblico e privato nel welfare: “Quando il privato investe in qualità, nel quadro dei limiti dettati dal pubblico, l’integrazione è la benvenuta”.
Presente al Circolo Cittadino di Jesi anche il direttore dell’Asur Marche Alessandro Marini. Nel suo intervento ha ribadito l’impegno per la piena efficienza dei reparti di emergenza che “devono funzionare bene e nello stesso modo in tutta la Regione”.

Il mondo della cooperazione era rappresentato da Giampaolo Gherardi, di Cooss Marche, che ha illustrato la realtà delle cooperative sul territorio jesino attraverso 4 progetti virtuosi attuati sul territorio.

Il mondo della sanità privata era rappresentato da Alberto Prandin e Leonardo Petruzzi della Labor Spa, che gestisce Villa Serena: “Nostro obiettivo è erogare qualità, a beneficio della sanità nel suo insieme”.

La voce dei sindacati Cgil, Cisl e Uil è stata rappresentata da Maurizio Andreolini: “Obiettivo di tutti è la salute, per noi la prevalenza del pubblico resta fondamentale. Restano importanti nodi ancora da sciogliere, tra cui quello dei posti letto post-acuti che a Jesi ancora non sono stati attivati”.

Alberto Bertani della Cgil ha richiamato l’attenzione sulle criticità riscontrate dai lavoratori della sanità.

Poi Osvaldo Pirani ha illustrato la sua idea di Cittadella della Salute: “Il Carlo Urbani non può essere considerato un punto di arrivo, bensì una base di partenza. Un punto di riferimento per la vita del cittadino, non solo in caso di malattia, ma da prima che vi incorra e sino al riposo nell’età avanzata. Per questo è necessario mantenere e rafforzare il nuovo ospedale con scelte che garantiscano elevate competenze, tecnologie e professionalità. La ristrutturazione del vecchio Murri da destinare prioritariamente a RSA e Residenza Oncologica Sanitaria Assistita (ROSA) con tutti i servizi che rafforzino il modello Ospedale-Territorio; la riqualificazione dovrà interessare anche tutto il bosco urbano intorno al vecchio Murri che potrà diventare non solo fruibile alla città ma anche essere utilizzato per percorsi benessere per le persone di ogni età; lo studio di fattibilità circa la realizzazione di nuova Casa di Riposo che dovrà sorgere in quell’area.

L’idea è stata accolta molto favorevolmente da Ceriscioli, che ha concluso con un personale auspicio: “Considero Osvaldo Pirani una persona molto valida, spero di rivederlo tra qualche settimana in una nuova veste”. Quella cioè di sindaco di Jesi.

Comunicato da: PD Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.