Unione Vallesina, bilancio fase 1: «Responsabilità e rispetto delle regole». | | Password Magazine

Unione Vallesina, bilancio fase 1: «Responsabilità e rispetto delle regole».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

VALLESINA – «Grande senso di responsabilità e rispetto delle regole. È quanto hanno dimostrato i cittadini della Vallesina in questi due mesi di quarantena. A loro va il nostro grazie e l’invito a proseguire nei comportamenti corretti, come sono stati capaci di fare finora». Il presidente dell’Unione della Media Vallesina Fausto Sassi traccia un bilancio molto positivo dei controlli della Polizia locale per la verifica del rispetto delle prescrizioni finalizzate al contenimento del contagio da Covid-19. 

Nel periodo della cosiddetta Fase 1, dal 13 marzo al 3 maggio, la Polizia locale dell’Unione dei Comuni ha espletato servizi di ordine pubblico a disposizione della Questura di Ancona e sotto la direzione della Compagnia dei Carabinieri di Jesi. Nell’arco di poco meno di due mesi gli agenti hanno garantito 33 giorni di servizio per un totale di 46 pattuglie composte da due operatori, suddivise negli orari dalle 7,30 di mattina alle 13,30 oppure dalle 13,30 fino alle 7 e mezzo di sera. Sono state effettuate anche 10 pattuglie congiunte con il personale delle Stazioni dei Carabinieri di Moie, Castelplanio, Montecarotto e Staffolo. 

Complessivamente sono state controllate su strada 310 persone, sia appiedate che a bordo di veicoli. Complessivamente solo in tre sono state sanzionate amministrativamente e una denunciata penalmente per falsa dichiarazione a pubblico ufficiale. Sono risultate tutte in regola le 128 attività commerciali controllate. 

Il presidente dell’Unione ringrazia anche Alessandro Gresti, titolare dell’omonima azienda, che ha eseguito nei giorni scorsi, gratuitamente, la sanificazione dei mezzi della Polizia locale. «Un grazie per la sua generosità, che interpretiamo – dice il presidente Sassi – anche come gesto di riconoscenza nei confronti del lavoro degli agenti per garantire la sicurezza dei cittadini”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.