Università degli adulti, parte il laboratorio di scrittura | | Password Magazine

Università degli adulti, parte il laboratorio di scrittura

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE – Non solo scrittura creativa ma anche drammaturgia e teatralità. È la nuova proposta di Silvano Sbarbati per il laboratorio che ogni anno attira sempre molti iscritti e si concretizza con un incontro pubblico frutto del lavoro degli allievi. Parliamo di uno dei corsi dell’Università degli adulti della Media Vallesina, l’istituzione voluta otto anni fa dall’Unione dei Comuni e gestita da un’associazione presieduta da Letizia Saturni. Il titolo scelto per il laboratorio, la cui prima lezione è in programma giovedì 15 gennaio alle ore 17,30 nei locali del Centro comunale 6001 di Moie, è “La grande pace”. Il laboratorio di scrittura torna, quindi, e assume una nuova veste, come viatico per una drammaturgia attiva e partecipata sul tema del conflitto.

La prima metà del Novecento e la Grande Guerra sono proprio i temi al centro del nuovo anno accedemico, iniziato lo scorso 12 ottobre. Da qui l’idea di Sbarbati di dare alla prima guerra mondiale, di cui si ricorda il centenario, una lettura particolare.

“L’idea del laboratorio – spiega Silvano Sbarbati – è quella di togliere di mezzo la parola ‘guerra’ e sostituirla con la parola ‘pace’. Questa operazione, tuttavia, rende necessario occuparsi del suo contrario, ovvero il conflitto. Di come, il conflitto, è sempre presente e funzionante in tutte le culture: per questo “La grande pace’ prova a spostare l’attenzione su come risolvere il conflitto al di là di come fu risolto durante la prima guerra mondiale. Quando l’idea di pace venne distrutta dall’idea di guerra. E le idee, come è noto, viaggiano nel soffio delle parole e sulle ali della carta stampata. Dovremmo rileggere D’Annunzio, e Croce, e Marinetti e anche Malaparte e anche quella parte di letteratura sulla guerra rimasta fuori dal mercato delle belle lettere italiane. ‘La grande pace’ è una piccola sfida di lettura, scrittura e reinvenzione sul tema del conflitto. L’esito di questa piccola sfida è incerto, e si affida alla buona volontà dei partecipanti al laboratorio”.

 

Per partecipare occorre essere iscritti all’Università ma ci si può iscrivere anche al momento dell’avvio del corso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.