Università di Jesi, i corsi cesseranno: studenti in rivolta | | Password Magazine

Università di Jesi, i corsi cesseranno: studenti in rivolta

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Quale futuro per l’università di Jesi?»  è la domanda che serpeggia tra i banchi da qualche settimana. Scatta la protesta del Movimento studentesco dell’Università di Macerata, distaccamento “Fondazione Colocci” alla notizia del trasferimento ad altra sede dei corsi di laurea che si svolgono nell’edificio di via Angeloni. Sono infatti in via di chiusura entro il 2020 i rapporti della Fondazione Colocci con l’Ateneo di Macerata, che costringerà gli immatricolati a spostarsi già da settembre 2019 nelle strutture principali del maceratese per frequentare le lezioni. In quali, è ancora da definire. Una doccia fredda per gli studenti da rientro dalla pausa estiva: «I motivi di questa decisione ancora non sono chiari, mentre sembra essere certa la fine di speranze e progetti di centinaia di studenti e delle loro famiglie che avevano ed hanno riposto in questo centro del sapere, tutte le loro aspettative e sogni». Così dicono gli studenti uniti nel Movimento, tramite i portavoce Luigi Battiloro, Vincenzo Marino e Emanuele Zenobi: «Trasferirsi a Civitanova Marche o Macerata è sinonimo di maggior costi e sacrifici a nostro modesto parere, privando la Vallesina di un punto di riferimento di alta formazione». Gli universitari jesini incolpano i vertici dell’Ateneo per la “non informazione”: «Una situazione triste e dolorosa a danno di circa 2 mila studenti – dicono i rappresentanti – Una decisione unilaterale presa dall’Ateneo che, in maniera poco trasparente e corretta, ha incamerato iscritti anche quest’anno senza informare le nuove matricole del futuro di questi corsi».

Dopo l’incontro di martedì scorso con il rettore, è partita la raccolta firme tra gli studenti: l’azione potrebbe anche sfociare in un’occupazione dell’istituto se le richieste del Movimento non venissero accolte. «Chiediamo che gli studenti “in itinere” possano terminare il ciclo di lezioni a Jesi in maniera legittima. Per questo sollecitiamo che venga fatto un incontro tra studenti, Comune, Fondazione Colocci e Rettorato per trovare insieme un futuro da garantire ai giovani. Infine ci auguriamo che oltre ed aldilà di calcoli o ritorni economici si scelga nuovamente di investire sui giovani e sulla loro formazione. E questo da parte di tutti i soggetti coinvolti, istituzioni comprese».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.