Uno sguardo di affetto verso Bergamo: «Quando sono i minuti a trasformarti la vita» | | Password Magazine

Uno sguardo di affetto verso Bergamo: «Quando sono i minuti a trasformarti la vita»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

«Vivere a Bergamo non è facile: siamo terrorizzati e spaventati, c’è più terrore che paura, i malati vanno via in ambulanza e i familiari sanno che molte volte non li rivedranno più». Queste sono le parole strazianti pronunciate da  Roby Facchinetti, la storica voce dei Pooh che vive a Bergamo con la sua famiglia.
E proprio Bergamo è una delle città italiane più dilaniate dal Coronavirus, dove i contagi hanno fatto una strage. Bergamo è la città simbolo del dramma italiano da Covid-19: hanno fatto il giro del mondo le immagini della lunga carovana dei mezzi militari con a bordo le numerose salme di chi non ce l’ha fatta. In due settimane sono state oltre 350 le salme trasportate fuori della Bergamasca per essere cremate.

 

Mezzi militari con le salme – foto L’Eco di Bergamo

Comprendere qualcosa significa capirlo, conoscerlo. Per capire davvero la drammatica situazione bergamasca e per essere vicini ai nostri connazionali, abbiamo intervistato una nota imprenditrice della provincia di Ancona, Katia Sdrubolini, che sta facendo molto per fronteggiare l’emergenza da Covid-19 nel nostro territorio (vedi articolo Password), che ha parte della sua famiglia proprio a Bergamo.

Cara Katia, quello che si evince dai media è che la bergamasca sia un territorio in lutto, pieno di dolore. Tu hai parte della tua famiglia a Bergamo, che clima si respira?
«Questo maledetto virus ci ha colti impreparati, perché inizialmente lo abbiamo sottovalutato pensando fosse una semplice influenza, poi in poco tempo ha portato molte vittime. Purtroppo la situazione mi tocca da vicino perché – come dici – ho dei familiari che risiedono in provincia di Bergamo, ci sentiamo tutti i giorni per sapere come stanno.
La città è in lutto, ci sono moltissime salme che purtroppo non possono avere nemmeno un degno saluto da parte dei loro cari. Si respira un’aria di silenzio, nel rispetto di chi non c’è più. Tra le altre emozioni c’è la paura di ammalarsi, quindi si cerca di restare a casa il più possibile e di uscire per lo stretto necessario».

L’imprenditrice Katia Sdrubolini

Una vostra stretta parente è operatrice sanitaria ed è stata anche colpita dal virus. Innanzitutto, come sta? Che cosa vi ha raccontato del suo calvario? Qual è lo stato d’animo di chi lavora in prima linea in questa emergenza, che sembra essere senza fine?”
«Si, purtroppo lei ha contratto il Coronavirus, dopo essere stata sottoposta al tampone che è risultato positivo. Le è stata fatta una tac per vedere se i polmoni erano a posto; per fortuna ora sta benino, è in convalescenza in quarantena e giorno dopo giorno sta sempre miglio.

La situazione in Ospedale è dura, mancano le cose essenziali, il personale, i turni di 8/12 ore in cui non puoi bere, mangiare e neanche andare in bagno. Si lavora ininterrottamente, a testa bassa e uniti, si seguono gli spostamenti degli ammalati. Insomma, l’organizzazione non è semplice sono, siamo, in emergenza.  Possiamo capire lo stato d’animo che si vive, lavorare sotto organico, con pochi posti letto, si fa l’impossibile.  Negli ultimi giorni , però, pare che qualcosa stia cambiando: hanno ultimato i lavori nella Fiera di Bergamo, tramutando questo immenso stabile in Ospedale, con l’aiuto di molti artigiani che hanno messo in opera tutte le loro competenze».

Perché Bergamo? Perché il coronavirus sta martoriando quelle zone? Ve lo siete chiesto?
«Perché Bergamo? Sai,me lo sono chiesto anch’io e la risposta che mi hanno dato dalla città è che dopo che il primo Ospedale si era infettato i primi giorni di Gennaio, hanno continuato a lavorare e non hanno chiuso, non hanno bloccato. In questo modo, la situazione è sfuggita di mano e il mostro, ovvero il virus, si è propagato a dismisura provocando tutto questo disastro di vittime».

Gli abitanti di Bergamo come vedono il futuro?
«Il futuro è difficile da programmare. Il primo passo è fare i tamponi a tutti e ripeterli, per verificare chi è positivo al Covid, nel 2020 è assurdo che scarseggino i tamponi. Il secondo, trovare la cura giusta, possibilmente estenderla per la prescrizione al medico di famiglia. Recuperare attrezzature di protezione come mascherine, guanti, camici,  a disposizione per tutti, senza speculazioni. Si guarda, poi, con importanza al vaccino. Così si può ricominciare a fare progetti per il futuro e ritornare a una vita degnamente normale.
Colgo l’occasione per salutare con affetto e gratitudine tutti gli operatori, i volontari, persone straordinarie. Bergamo e tutta l’Italia sono forti e, insieme, ci rialzeremo più forti di prima».

Tutto cambia in un attimo. Ci lamentavamo spesso di come passano in fretta gli anni e poi invece sono i minuti che trasformano la vita.

A cura di Catiuscia Ceccarelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.