Un’opera su Letteria Belardinelli, mercoledì la presentazione del volume

JESI – Sarà presentato mercoledì prossimo alle ore 17.30 a Palazzo Bisaccioni il decimo Quaderno del Centro Studi marchigiano di Jesi e intitolato a “Letteria Belardinelli”, redatto dalla ricercatrice Silvia Barocci, con foto di copertina di Silico Batazzi.

L’opera, finanziata dal Centro Studio Marchigiano di Jesi, con il sostegno del Centro cooperativo mazziniano di Jesi, traccia un profilo di uno dei personaggi jesini al femminile di spessore.

Professoressa, amministratrice e consigliera comunale di Jesi, Letteria Belardinelli nacque a Jesi l’8 dicembre del 1889 in una famiglia povera. Con spirito di lotta e sacrificio, conseguì la laurea in economia e commercio presso l’università Ca’ Foscari di Venezia, titolo che le permise di dedicarsi all’insegnamento della matematica nelle scuole di Jesi. Poi intraprese l’impegno anche in politica nelle file del partito repubblicano, ricoprendo incarichi amministrativi in municipio: per molti anni consigliere comunale e, più volte, anche assessore. Fu membro del Consiglio di amministrazione degli Istituti Riuniti di Beneficenza e, per più di venti anni, presidente delle Cooperative Riunite di Consumo. Morì il 28 aprile del 1968: nel testamento, lasciò gran parte dei suoi beni alla gestione e manutenzione della casa di riposo per anziani della città.

“Una donna di coraggio e di grandissimo interesse che ha saputo dare prova di una forza enorme – ha spiegato Katia Mammoli, coordinatrice del Centro Studi Marchigiano – Nella vita, ha sempre lottato: sia come donna che come politica. Repubblicana, ha vissuto e affrontato i difficili anni del fascismo, superandolo senza mai aderirvi”.
“Intransigente con se stessa e nella vita quotidiana” la ricorda Dario Pulita, che l’ha conosciuta. “Aveva un gran senso dello Stato e del pubblico – puntualizza Mario Sardella, repubblicano  – Per questo nel testamento lasciò i suoi beni alla città, tra cui la Casa di Riposo di cui ancora oggi si usufruisce”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*