Uova contaminate da pesticida, un caso ad Ancona | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Uova contaminate da pesticida, un caso ad Ancona

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MARCHE – Su 114 uova analizzate sono due i campioni di uova in ItaLia positivi al fipronil, il pesticida che ha dato l’avvio a uno scandalo alimentare in diversi Paesi europei (Francia, Olanda, Belgio, Germania, Gran Bretagna). Uno di questi campioni proviene da un centro di imballaggio nelle Marche, in uno stabilimento della provincia di Ancona.

Oltre al centro marchigiano, l’altro campione contaminato proviene da un laboratorio artigianale di pasta del Lazio: in questo caso si trattava di ‘ovoprodotti’, ossia uova pastorizzate, lavorate per l’uso in altri prodotti alimentari.

Il Ministero della salute, in collaborazione con le autorità sanitarie regionali e il Comando Carabinieri per la tutela, ha provveduto ad inviare la segnalazione alle due Regioni e Asl competenti territorialmente per ulteriori accertamenti sulla fonte di contaminazione e l’adozione di eventuali provvedimenti restrittivi.

Il pesticida, usato in veterinaria utilizzato in veterinaria contro pulci, pidocchi, acari e zecche e parassiti in genere è però assolutamente vietato sugli animali destinati alla catena alimentare.

Una decina di giorni fa erano stati sequestrati in Italia alcuni prodotti, mai messi in commercio, provenienti da un’azienda francese che aveva usato le uova di uno degli allevamenti olandesi coinvolti nell’uso del fipronil: un lotto era Bologna, l’altro a Parma.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.