Uovo di cioccolato? Meglio se fondente e mangiato con moderazione

ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE 

A cura della Dott.ssa Letizia Saturni

E’ bello immaginare le feste del calendario come tante stanze di una grande casa circolare.

Abbiamo da poco lasciato la stanza chiassosa, caotica del Carnevale dove abbondavano cibi fritti per alloggiare oggi il vano della Quaresima, stanza spartana, cupa e sobriamente allestita con cibi magri.

Tra poche ore varcheremo la soglia di una delle stanze più antiche e luminose: la Pasqua. La frittata con le erbe, l’agnello, la pizza salata sono solo alcuni dei cibi gustosi e genuini che attirano la nostra attenzione.

Poche righe di Gastrosofia per introdurci alla chiacchierata sul vero quanto goloso emblema della Pasqua che accomuna grandi e piccini, cioè l’uovo di cioccolato!

Che Pasqua sarebbe senza il dolce suono delle uova di cioccolato che, dopo giorni di attesa sulle mensole della cucina, finalmente vengono aperte svelando il proprio contenuto? 

La Dott.ssa Letizia Saturni Health Coach – Nutrizionista

Il cioccolato fa gola proprio a tutti e questo gustoso alimento è stato anche al centro di numerosi film quali Chocolat, la Fabbrica del cioccolato fino a Lezioni di cioccolato mettendo in luce come dal punto di vista squisitamente culinario il cioccolato arriva dritto a tutte le papille e … grazie al suo profumo e alla sua vista tutti i neuroni né rimangono inebriati tanto da ammantare di felicità e serenità i nostri sensi!

Ma da un punto di vista nutrizionale?

Sapete ormai bene come la penso e dunque non dico assolutamente nulla riguardo al conteggio delle calorie – insidiosi animaletti che restringono i nostri abiti preferiti (!) – quanto piuttosto cerchiamo di capire di cosa stiamo parlando.

Un must è l’uovo di cioccolato fondente che trova origine nel 1875 ad opera dell’azienda dolciaria inglese Cadbury che produsse il primo uovo di cioccolato fondente vuoto con all’interno mandorle dolci!

Sì, meglio scegliere l’uovo di cioccolato fondente e per spiegarlo prendo spunto da quanto scritto su Il ruolo nutrizionale e terapeutico del alimenti. Ricco di alcaloidi purinici, fra i quali teobromina, caffeina, adenina e guanina, il cacao o il cioccolato fondente ha una funzione tonica. Il cioccolato fondente è anche ricco di minerali quali potassio, ferro, fosforo, magnesio e vitamine del gruppo B, vitamina D ed E. Può essere mangiato anche dai diabetici a patto che non sia cioccolato al latte poiché quest’ultimo contiene galattosio e molti altri zuccheri semplici.

Altro pregio delle uova fatte con vero cioccolato fondente è quello di rallentare l’assorbimento degli zuccheri a livello intestinale modulando così il rialzo glicemico post-prandiale.

C’è anche un’altra nota da non sottovalutare legata alla presenza di una buona concentrazione di triptofano: il cioccolato fondente è un valido antidepressivo e sostiene la fase progestinica del ciclo mestruale, ecco spiegato il motivo per cui alcune donne trovano conforto nel cioccolato nei giorni antecedenti al ciclo stesso.

Attenzione … la controindicazione è la con-presenza di acido ossalico e calcio. Questi hanno un impatto negativo sulla calcolosi o nell’insufficienza renale ma anche nella gotta conclamata e nell’insonnia.

Allora … quale strategia per gli acquisti?

Scegliere uova fatte di cioccolato fondente al 70%, senza additivi, aromi artificiali, grassi vegetali raffinati … Insomma leggete l’elenco degli ingredienti, scegliete un prodotto artigianale ed il nostro corpo ci ringrazierà

Quanto Mangiarne?

Non c’è dose quanto piuttosto parola d’ordine è moderazione!

Vi auguro una Serena-Gioiosa-Fiorita Pasqua

Per appuntamento: 347 4351576 – www.letiziasaturni.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*