«Urgente salvare la chiesa di San Nicolò»: l’appello di Italia Nostra e Archeoclub - Password Magazine

Festival Pergolesi

«Urgente salvare la chiesa di San Nicolò»: l’appello di Italia Nostra e Archeoclub

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Urgente salvare la chiesa di San Nicolò». L’appello arriva da Costantina Marchegiani e Maria Cristina Locatelli, rispettivamente presidenti di Italia Nostra, sezione di Jesi Aldo Impiglia e dell’Archeoclub d’Italia, sede di Jesi Alberto Maria Berti.

«Vogliamo mettere al corrente la cittadinanza di un disagio che ci è stato manifestato da alcuni nostri soci e che condividiamo, in merito alle luci e ombre che si contendono sulla vicenda urbanistico-edilizia afferente il recupero dell’ex Convento delle Giuseppine di Piazza Pergolesi e sulla possibilità di ricavare un passaggio aperto al pubblico, tra piazza Pergolesi e Vicolo San Nicolò, che consenta una visione integrale delle absidi – scrivono le due presidenti -. I lavori di demolizione del fatiscente edificio di vicolo San Niccolò, che gravava sulla navata esterna destra della più antica chiesa della città, ci aveva illuso che si sarebbe potuto godere il pregevole monumento finalmente libero da deturpanti superfetazioni; siamo invece stati ingannati e, come noi, chissà quanti concittadini. Abbiamo recentemente scoperto che la Giunta in carica ha autorizzato l’uso del Convento a residenze private, riservando alla vista absidale un accesso del tutto inadeguato all’importanza dello storico monumento.
E’ importante che tutti sappiano che, se il progetto sarà attuato, come ci è stato detto, non ci sarà più la possibilità né per i cittadini né per i turisti di ammirare compiutamente nella sua magnificenza un gioiello d’arte romanica e gotica nonché l’articolata composizione volumetrica “esterna delle absidi semicircolari della Chiesa di San Niccolò. Infatti un nuovo manufatto tornerà ad incombere sulla Chiesa che, dal secolo XIII, ha resistito al passare del tempo e agli insulti degli uomini i quali, ignorandone ogni valore storico e artistico, avevano persino progettato di abbatterla, insensibili, anche allora, di fronte a quelli che sono i veri tesori.

Vogliamo che, oltre alla cittadinanza, anche le associazioni culturali presenti a Jesi siano informate al fine di intervenire coralmente presso l’Amministrazione e la Soprintendenza perché sia rivisto e corretto un progetto che, mirando ad una economia privata, miope e a breve termine, non sa essere lungimirante e perchè tutelino, come loro compito, quanto di più antico e prezioso Jesi possiede oggi con l’obbligo morale di trasmetterlo a quanti verranno domani» .

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.