USERNAME: La piaga dei "mi piace" falsi sui social media | Password Magazine

USERNAME: La piaga dei “mi piace” falsi sui social media

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

USERNAME – Ormai c’è la rincorsa al “like”, al “follow”, al cuoricino, tante persone non sfuggono alla vanità di avere molti fan che le seguono o centinaia di “mi piace” alle proprie foto. Una piaga che colpisce psicologicamente diversi utenti, soprattutto giovani, sfociando a volte nella vera e propria dipendenza da social.
Esiste un’altro problema legato a questa situazione, un problema che per certi aspetti sfiora il campo della truffa. Avere molti seguaci soprattutto su instagram, aiuta a diventare influencer, con potenziali guadagni, lo sappiamo ormai tutti. Esattamente come un numero elevato di “mi piace” alla pagina facebook di un’attività tende ad accrescerne, in teoria, la fama e potenzialmente l’interesse da parte del cliente (distratto).

COME FANNO A “COMPRARE” FOLLOWER?

In virtù di questo sono nati diversi metodi per accrescere “forzatamente” i numeri dei propri profili social. Addirittura diverse agenzie inseriscono tale servizio a listino e la gente, evidentemente, lo compra altrimenti non ci sarebbe motivo di promuoverlo. Per Instagram la cosa è diventata semplicissima, esistono app scaricabili che permettono di farlo a costo zero. Fortunatamente sono stati lanciati sistemi utili a scovare questo tipo di attività che ne smorzano l’effetto e tendono a cancellare profili e like falsi. Ad oggi però lavorano ancora poco.
Su facebook la cosa è più complessa ma non di molto. Diversi siti e programmi permettono, tramite impegno di denaro, di acquistare crediti spendibili per accaparrarsi “mi piace”.  Alcuni portali garantiscono lo scambio di azioni. Altri ancora creano 10.000 account falsi, legati a 10.000 email false. Per non parlare dei “Bot”, sistemi automatizzati macina like. Il problema di facebook poi è che, nonostante i proclami, ultimamente sembra aver allentato le maglie dei controlli e molto raramente scopre questi meccanismi bloccando la pagina.
Scusate se non spiego bene i metodi ne nomino i portali ma non è mia intenzione promuovere dei sistemi pessimi che sotto certi aspetti stanno rovinando il mercato.

COME SCOPRIRE I FURBETTI?

Quello che mi preme spiegare bene è come scoprire o almeno intuire, certi meccanismi. Segui una pagina che esiste da un anno o due ed ha 5mila like. Vai a dormire, ti svegli e ne ha raggiunti 6mila, magari pubblicando solo un post nemmeno di successo. A meno di sponsorizzazioni galattiche (ora liberamente visibili sotto “Informazioni e Inserzioni” della pagina) c’è qualcosa che non quadra.
Altro sistema più semplice è vedere l’interattività della pagina. Se magari solo un quarto o meno dei post riceve diverse reazioni mentre gli altri stanno a zero o quasi, il sospetto può venire.

Abbiamo poi siti e programmi, spesso a pagamento, che permettono di fare analisi accurate e scoprire da dove e come arrivano i follower. Tramite questi portali, molto utilizzati da aziende soprattutto per la selezione di influencer su instagram, sono stati smascherati diversi big (mi dispiace ma la amata/odiata Ferragni ne è immune del tutto o quasi, ha davvero un seguito enorme).

Tutti i metodi fin qui elencati potrebbero riassumersi con una parola: engagement rate! La cosa più importante sui social, anche davanti a reali seguaci, è proprio questa. Ma cosa significa? E’ l’interazione fra il follower e ciò che viene prodotto dalla pagina/profilo. L’insieme dei like, dei commenti, delle condivisioni e delle visualizzazioni di un post, determina l’engagement. Più followers si hanno più dovrebbe essere grande l’engagement.

Facciamo un esempio con la pagina facebook di Password Magazine. Si può facilmente determinare dagli insights consultabili da tutti. Negli ultimi sette giorni Password può contare su un engagement rate di circa il 5%. Il più alto del settore sul nostro territorio. Scendendo sotto il 3% possiamo iniziare a sospettare. Sotto il 2% controllare approfonditamente. Su facebook sono possibili differenze tra territorio e settore, quindi consiglio di analizzare sempre il quadro generale. Su instagram invece la cosa è più netta e si parla di 2,7% di engagement come soglia sospetta (su quest’ultimo è più in voga l’acquisto di “cuori” ai post, fattore che potrebbe falsare in positivo il risultato) per profili con alcune decine di migliaia di follower. La percentuale poi varia in base alla fasce, abbassandosi mano a mano che il numero totale di seguaci cresce. Attenzione, se una pagina sponsorizza i suoi post, l’engagement generale salirà ma lo si può verificare sempre consultando l’apposita sezione.

IN CONCLUSIONE, ENGAGEMENT E… GUARDA IL TARGET

Che la pagina/profilo abbia più o meno follower falsi è importante, ma l’attenzione dovrebbe essere posta anche sul target perchè non puoi vendere ghiaccio agli eschimesi. Inutile promuovere il menù di carne del tuo ristorante ad un vegano, inutile avere follower di Palermo se racconti le attività di un bar triestino. Ecco perchè pagine da 500 mi piace tutto sommato a volte lavorano bene, altre da 10mila non cavano un ragno dal buco. Con le dovute proporzioni in base alle dimensioni dell’attività e del mercato di riferimento, si dovrebbe sempre voler raggiungere persone in target, cioè realmente interessate a quello che racconti, potenziali clienti. Su questo dovresti basare la tua strategia e sul loro numero decretare il successo delle tue azioni. Tutto il resto è inutile vanità.

Per saperne di più contattatemi pure al 320 1641448 o scrivetemi una mail a: baleani.matteo@gmail.com
Buon target a tutti.

 

Username, la rubrica di tecnologia e comunicazione curata da Matteo Baleani, esperto di marketing che da anni collabora con Password Magazine.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.