Astralmusic

Va in ospedale per donare il sangue, non c’è il parcheggio riservato: multato

JESI – Non c’è parcheggio, neanche tra gli spazi riservati ai donatori di sangue. Il tempo stringe, non si può arrivare tardi all’appuntamento con la generosità e così lascia l’auto dove la sosta non è consentita. E si becca la multa. È accaduto mercoledì mattina ad un volontario Avis, recatosi al Carlo Urbani per una donazione. Un nobile gesto costato però una sanzione di 30 euro.

Colpa del parcheggio selvaggio, problema che quotidianamente si ripresenta al nosocomio jesino.

«Mi sono recato all’ospedale per donare il sangue, come faccio da circa dieci anni – ci racconta Simone, il donatore protagonista di questa vicenda – Ho girato diverse volte intorno l’edificio in cerca di un parcheggio ma senza fortuna: non c’era un posto auto, neanche tra quelli riservati ai donatori».

Per i volontari che donano il sangue, infatti, l’ospedale prevede un’area di sosta apposita. Il sistema però non rilascia loro nessun tesserino di riconoscimento da apporre al mezzo, come per esempio accade per i disabili. E questo fa sì che ad occupare i posti auto dei donatori ci sia anche qualche furbetto di troppo.

«Nonostante l’area sosta riservata ai donatori fosse stracolma di auto, nel reparto di trasfusione c’erano giusto due o tre persone – spiega Simone  – So che ho lasciato l’auto dove non si poteva e pagherò la mia multa. Ma mi chiedo se sia possibile fare qualcosa per garantire i posti auto a noi donatori, dotandoli di tagliandino di riconoscimento così che ci venga riconosciuto un diritto, oltre che un dovere civico. Questo il mio appello al Comune e alle istituzioni».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*