Vaccinazioni, approvato piano operativo. Acquaroli: «Stiamo entrando nella fase massiva». | Password Magazine

Vaccinazioni, approvato piano operativo. Acquaroli: «Stiamo entrando nella fase massiva».

«I marchigiani che possono essere vaccinati – spiega il presidente Francesco Acquaroli – si stima siano 1.311.408 (popolazione con 16 anni e più). Stiamo entrando nella fase massiva di vaccinazione».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

REGIONE – La Regione Marche è pronta a completare entro aprile la prima fase  delle vaccinazioni per gli over 80 e ad implementare la fase successiva che entro la fine dell’estate dovrebbe portare alla vaccinazione della maggior parte della popolazione. Tutto sarà documentato sulla nuova sezione dedicata ai Vaccini sul sito della Regione Marche.

Cronoprogramma fase 2

Si intensifica in queste settimane la vaccinazione per le persone “estremamente vulnerabili”, che rientrano nella definizione fornita dal ministero. Il sistema organizzativo regionale prevede che le vaccinazioni avvengano nei punti vaccinali ospedalieri, territoriali, mobili o di popolazione.

Dal 29 marzo, le persone “estremamente vulnerabili che non risultano seguite presso le strutture ospedaliere regionali e non sono quindi convocate in automatico, e non hanno generato una esenzione ticket, potranno prenotare la somministrazione del vaccino attraverso una lista dedicata sulla piattaforma delle Poste. Le liste verranno poi distribuite ai punti di vaccinazione ospedalieri che concorderanno gli appuntamenti.

Proseguirà poi la vaccinazione per i cittadini “estremamente vulnerabili” seguiti dal sistema sanitario regionale, già iniziata nelle scorse settimane con i pazienti dializzati e trapiantati, che vengono invece chiamati dagli operatori e vaccinati negli ospedali o possono rivolgersi direttamente al medico di famiglia se in difficoltà a raggiungere le strutture sanitarie. Queste persone non devono provvedere alla prenotazione.

Sono le prime novità del Piano Strategico ed Operativo Vaccini Anti Sars-Cov 2 approvato dalla giuntaL’atto si è reso necessario per aggiornare le linee di indirizzo già approvate a gennaio sulla base delle Raccomandazioni ad interim del 10/3/2021 ed in coerenza con i contenuti del Piano del Commissario straordinario per l’esecuzione della campagna vaccinale nazionale.

Tra le priorità del Piano anche i disabili gravi che saranno vaccinati ad aprile. La vaccinazione dei pazienti ricoverati presso le strutture residenziali e semiresidenziali pubbliche e private sarà effettuata a titolo gratuito da parte del Gruppo Kos Care, che garantirà il percorso vaccinale nel rispetto delle regole sia per i pazienti da loro direttamente seguiti nelle loro strutture residenziali e semiresidenziali, sia per i pazienti gestiti nelle strutture pubbliche. I disabili non assistiti in strutture residenziali o semiresidenziali possono invece rivolgersi ai medici di famiglia che garantiranno la vaccinazione o in alternativa al personale del Dipartimento Prevenzione dell’Area Vasta competente.

Relativamente ai caregiver e ai conviventi sia dei pazienti disabili che dei pazienti estremamente vulnerabili, si apriranno slot (liste di prenotazione) dedicati attraverso il sistema di prenotazione entro il mese di aprile. Fanno parte di questa categoria anche i genitori, tutori e affidatari di minori (0-15 anni) che rientrano nella categoria di estremamente vulnerabili e che, non potendo essere vaccinati direttamente, saranno protetti immunologicamente tramite la vaccinazione dei loro familiari conviventi. A questi si aggiungono i caregiver e conviventi che forniscono assistenza continuativa alle persone con disabilità e i conviventi di persone “estremamente fragili” secondo le patologie indicate dal ministero e riportate sul sito istituzionale. Ad aprile prenderanno il via anche le vaccinazioni delle comunità residenziali (religiose, HIV, PS,TD) e delle persone tra i 70 e i 79 anni. 

A maggio toccherà alle persone con comorbidità di età inferiore a 60 anni, seguiti da specialisti presso le strutture ospedaliere, a giugno a quelle non seguiti invece da specialisti presso strutture ospedaliere, insieme alla popolazione di fascia d‘età compresa tra i 60 e i 69 anni.
Tutti gli altri, dai 16 ai 59 anni, saranno vaccinati a luglio.

«I marchigiani che possono essere vaccinati – spiega il presidente Francesco Acquaroli – si stima siano 1.311.408 (popolazione con 16 anni e più). Stiamo entrando nella fase massiva di vaccinazione. Per questo stiamo mettendo in piedi tutti gli strumenti a nostra disposizione, in modo da rendere sempre più semplice, rapida e trasparente la comunicazione con i cittadini, affinché questo processo importante venga gestito nella maniera migliore possibile. Il piano vaccinale per le prossime fasi è stato votato ieri in giunta. Contestualmente, come anticipato nei giorni scorsi, è stata avviata la sezione del sito web istituzionale dedicata ai vaccini, è stato potenziato il numero verde 800.936677 e abbiamo attivato un servizio di call center dedicato alle comunicazioni per l’emergenza Covid19».

A disposizione degli utenti del sito anche tutti i dati relativi ai tipi di vaccini a disposizione: dosi consegnate, totale e percentuale somministrazioni, prime dosi, richiami e categorie avviate. Nella pagina inoltre i cittadini potranno trovare in evidenza le informazioni più aggiornate in caso di imprevisti e mancate consegne.  

«Attualmente – continua l’assessore alla Sanità Filippo Saltamartini –  il numero di vaccini effettuati in ambito regionale si aggira sui 6000 al giorno, ma contiamo di arrivare ad almeno 10.000/11.000 dosi al giorno comprese le vaccinazioni effettuate dai medici di medicina generale per raggiungere la vaccinazione di massa. Per questo stiamo lavorando per l’ampliamento delle equipe vaccinali operanti sul territorio, come già accaduto con i medici di famiglia. Inoltre è prevista, nella fase successiva di vaccinazione di massa della popolazione, nei mesi di maggio e giugno, l’attivazione dei canali vaccinali con il coinvolgimento delle categorie economiche, le forze sociali, le imprese e ordini professionali».

Nella prima fase delle vaccinazioni, sono stati coinvolti: Operatori sanitari e socio-sanitari delle strutture pubbliche e private e personale non sanitario a supporto (percorso in fase di completamento), personale e ospiti delle strutture residenziali e semiresidenziali per anziani (percorso in fase di completamento), persone di età avanzata, di età pari o superiore a 80 anni, (previsto il completamento entro il fine aprile); personale Scolastico ed Universitario docente e non docente, Forze Armate di Polizia e del soccorso pubblico, servizi penitenziari (percorso in fase di completamento e fatto salvo il completamento delle categorie già avviate alla vaccinazione).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.